Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 12 Dicembre - ore 07.05

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Granoche chiede la cessione, lo Spezia lo gela

Il procuratore dell'uruguaiano ottiene un biennale dalla Cremonese e punta alla rescissione, ma Via Melara chiude la porta alla cessione. "Chi ha il contratto lo rispetterà", diceva l'ad Micheli tre giorni fa. Si rischia un braccio di ferro.

Granoche chiede la cessione, lo Spezia lo gela

La Spezia - Uno strappo che sarebbe clamoroso, a pochi giorni dal ritiro. L'entourage di Pablo Granoche ha formulato la richiesta di ottenere la cessione al direttore sportivo dello Spezia Gianluca Andrissi e al resto della dirigenza dello Spezia Calcio. Ad attenderlo a Cremona ci sarebbe un biennale offerto dalla ricca società del patron Arvedi, che tenta di ricalcare i passi della Spal provando il doppio salto verso la serie A dopo aver patito per lunghi anni per scrollarsi di dosso la terza serie. E i gol che servono alla promozione dovrebbero arrivare dal numero 29 dello Spezia. L'idea sarebbe quella di ottenere la rescissione e firmare già domani per presentarsi in ritiro con i grigiorossi.
Un'idea che Via Melara ha respinto con forza: un secco "no" all'ipotesi di lasciar partire il calciatore legato da un contratto con scadenza nel 2018. Una situazione che fa nascere un braccio di ferro tra lo Spezia e il procuratore del giocatore, Giorgio De Giorgis, molto attivo nelle scorse settimane. L'agente avrebbe proposto El Diablo ad almeno quattro club di serie B - Venezia, Salernitana, Novara e appunto Cremonese - dopo il cambio di politica sugli over 30 inaugurata in riva al Golfo dei Poeti. Solo contratti annuali per chi va verso la fine della carriera, senza deroghe possibili a meno di casi del tutto eccezionali.

"Faremo quello che in passato venivamo accusati di non fare", ammoniva l'amministratore delegato Luigi Micheli due giorni fa in occasione della presentazione della campagna abbonamenti (qui l'articolo) e riferendosi a cessioni con compartecipazione del budget o a costo zero. E per Granoche la richiesta non sarebbe inferiore ai 500mila euro. Quelle di Micheli sono parole che oggi suonano in tutta la loro chiarezza: "Chi è sotto contratto con noi deve rispettarlo, anche se sarebbe bello anche per noi liberarci di chi non rientra più nel nostro progetto tecnico". Ovvero, mentre lo Spezia prova a piazzare due o tre esuberi - Datkovic e Signorelli sono tra questi - non vuole perdere giocatori ritenuti importanti per la causa.
Quella di Granoche è una situazione del tutto diversa da quella di Iemmello della scorsa estate. Un miglior tempismo forse (il mercato è ancora lungo), ma condizioni economiche ritenute inaccettabili. Allora c'era infatti sul tavolo una ricca offerta del Sassuolo - più di 2 milioni di euro per il solo cartellino - a rendere la cessione un affare, se non tecnico, quantomeno dal punto di vista economico. Da Via Melara traspare oltretutto un neanche troppo velato fastidio, visto che Granoche un anno fa era tra gli svincolati quando i campionati professionistici erano già iniziati e fu proprio lo Spezia a offrirgli un biennale e dargli la possibilità di rimanere in serie B. Soldi ben spesi, visto il grande girone di ritorno dell'attaccante che passò settimane a lavorare da grande professionista per tornare in forma e diventare il trascinatore dei bianchi da gennaio in poi. In tutto questo, lo Spezia questa volta davvero non sembra avere intenzione di cedere. C'è di più, questa mossa avrebbe spinto il club a valutare eventualmente il profilo di un ulteriore attaccante di spessore da inserire in rosa. Una bella grana a pochi giorni dal ritiro di Pontremoli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure