Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 22 Maggio - ore 15.41

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Giuliani oltre le attese: "Che intensità in serie C!"

Per lo spezzino già 18 presenze al primo anno tra i professionisti con il Pontedera. "Qua sanno mettere i giovani nelle condizioni ideali. Mister Maraia cura molto il lato umano. Vorrei i play-off per noi e per lo Spezia".

bella sorpresa
Giuliani oltre le attese: "Che intensità in serie C!"

La Spezia - “A Pontedera mi sto trovando molto bene. Sono contento perché quando si è così giovani non è facile giocare nelle categorie professionistiche. Questa società da sempre si è distinta come una piazza in grado di mettere a proprio agio ragazzi come me e devo dire che ci sono riusciti completamente. Col passare del tempo sono riuscito a trovare il mio spazio e spero di farlo sempre di più. Piazza e compagni mi aiutano ogni giorno, li ringrazio per questo”. A parlare è Jacopo Giuliani, giovane di belle speranze andato quest’anno in prestito al Pontedera in Serie C a “farsi le ossa” nella sua prima stagione da professionista. Per lui sono 18 le presenze con mister Ivan Maraia, in un club che ha una storia di competenza calcistica che tutti ricordano alla Spezia in virtù degli exploit degli anni Ottanta e Novanta con Lippi e D'Arrigo in panchina.

Giuliani l’anno scorso qualche allenamento con la prima squadra l’aveva pur fatto. “Maraia è un bravo allenatore – dice - anche una bellissima persona a livello umano. Differenze con Gallo? Mi ha allenato poco l’anno scorso ma posso dire che sicuramente curava molto il lato tecnico, Maraia invece è molto più sensibile sull’aspetto umano”.
Infine, al giovane calciatore ancora di proprietà dello Spezia abbiamo chiesto se il calcio “dei grandi” fosse davvero così diverso rispetto a quello del settore giovanile. “La differenza tra il calcio giovanile e quello professionistico si vede fin da subito, soprattutto in termini di intensità e cattiveria agonistica. Ho esordito con il Piacenza, in uno stadio importante, è stato emozionante. Adesso siamo decimi. L’obbiettivo era quello di salvarsi, ci siamo riusciti praticamente dopo il girone d’andata. Adesso che siamo in zona play-off cercheremo di rimanerci fino alla fine."
"Le favorite nel nostro girone? L’Entella è sicuramente una spanna sopra le altre, la stessa Carrarese ha un attacco veramente devastante, a discapito però di un reparto difensivo non allo stesso livello. Vedremo. Lo Spezia? Ovviamente lo seguo molto. Penso che alla fine riuscirà a raggiungere gli agognati play-off. Farò naturalmente il tifo per loro”.

Marco Passalacqua

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News