Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Domenica 20 Settembre - ore 23.44

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Giocatori in scadenza a giugno, si cerca una linea

In Inghilterra hanno deciso: ogni club può provare ad estendere i contratti fino alla fine della stagione positicipata. In serie B ci sono club con decine di prestiti. Ma lo Spezia conta sui suoi buoni rapporti.

un'altra grana
Giocatori in scadenza a giugno, si cerca una linea

La Spezia - Che ne sarà al 30 giugno di Scuffet? E di Federico Ricci? E ancora di Marchizza, Vitale, Di Gaudio, Ragusa, Bidaoui e Nzola? In teoria dal giorno dopo dovrebbero tornare ai propri club di appartenenza o, nel caso di Bidaoui, finire svincolato e senza più legami con lo Spezia. Tra i tanti temi che il calcio affronta in questi giorni in cui si cerca di organizzare la ripartenza, anche quella dei contratti a termine diventa un problema non di poco conto. Traslare la fine della stagione in avanti di un paio di mesi causerebbe uno sfalsamento con i termini "classici" dei contratti. Sia quelli a titolo definitivo che quelli di prestito espirano infatti con giugno.
Lo Spezia per la verità si trova una situazione più semplice di altri club, visto che ha un numero di prestiti abbastanza contenuto con club con cui i rapporti di Guido Angelozzi sono ottimi. A questi si aggiunge un solo calciatore a fine accordo, il belga appunto. Ma in ogni caso l'eventuale estensione della permanenza, in deroga, è qualcosa che va ancora discussa a livello di FIGC nel modo. Per adesso fa scuola la Premier League. In Inghilterra i club hanno trovato un punto di incontro nel darsi la possibilità, presi singolarmente, di trattare altri due mesi di accordo. Ognuno per sé può provare, as far as possible, di non indebolire la propria rosa in corsa. E nel caso di rifiuto? Peggio per chi non è riuscito a trovare un accordo.
Questo freddo pragmatismo britannico male calza con la situazione italiana. E soprattutto con la serie B, in cui ci sono realtà che hanno mezza rosa in prestito. In più c'è l'aspetto economico di cui tenere conto (due mesi di stipendi in più da pagare) e anche uno più sottile ma non meno decisivo. Lo ha spiegato il dg Marchetti del Cittadella al Il Mattino: "Immaginate di far giocare un calciatore che, però, per la prossima stagione si è già accordato con un’altra società. Non vi sembra che falserebbe tutto? Per noi in particolare sarebbe la fine. Le motivazioni contano per tutti, ma in una realtà come quella del Cittadella in modo particolare. Se io a un calciatore dico: guarda che nelle prossime dieci partite ti giochi il rinnovo per la prossima stagione, quello in campo sputa l’anima. Non è così scontato che lo faccia se quella molla non c’è più".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News