Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Venerdì 19 Ottobre - ore 18.29

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Giampaolo: "Che dirigente Angelozzi, vedo la mano di mio fratello nella Samp"

Federico Giampaolo, fratello di Marco, fu giocatore dello Spezia nei Novanta. "Ricordo una bellissima piazza e un calcio con meno tatticismi. Tiferò voi e il mio ex direttore Guido".

FANTASISTA di FERRUCCIO MAZZOLA
Giampaolo: "Che dirigente Angelozzi, vedo la mano di mio fratello nella Samp"

La Spezia - Quella che andrà in scena alle 18 di domani al Picco sarà sì una partita di beneficenza, ma anche una di quelle sfide i cui intrecci storici non hanno praticamente fine. Uno di questi può esser ben rappresentato da Federico Giampaolo, attuale tecnico dell'Avezzano Calcio, il quale ha sicuramente avuto a che fare con il passato ed il presente di Spezia e Sampdoria. Partendo da quest'ultima, chiaramente, Federico è il fratello di Marco, giunto quest'anno alla sua terza stagione da allenatore dei blucerchiati. “Nonostante i continui rinnovamenti della sua squadra – dice – stanno comunque riuscendo a mantenere una identità e una continuità tecnica. Sicuramente dietro a tutto questo c'è il lavoro di Marco e del suo staff. Visto il loro inizio di campionato, penso potranno togliersi parecchie soddisfazioni anche in questa stagione”.

Passando invece al fronte del golfo, Federico Giampaolo agli inizi degli anni Novanta giocò per lo Spezia sotto la guida di Ferruccio Mazzola, in quella che fu la sua “prima vera esperienza nei professionisti. Giunsi in C in prestito dalla Juventus, ricordo lo Spezia come una bellissima piazza, come del resto l'ambiente e la città stessa. Era un altro calcio – ricorda Federico – con meno tatticismi e con maggior estro e fantasia. Il giocatore non era intrappolato negli schemi, anche se secondo me l'organizzazione di gioco è fondamentale. Forse però c'era un pochino più di personalità. Un'evoluzione dovuta anche alla troppa tattica nelle scuole giovanili a discapito della tecnica? Io penso che i ragazzi fino ai 14 anni debbano esser lasciati a divertirsi e sfogarsi. Poi c'è sempre tempo per insegnar loro come stare in campo, forse si stanno anticipando un po' troppo i tempi”.

Dallo Spezia del passato a quello del presente. Appese le scarpette al chiodo, Giampaolo non può che parlar bene di Guido Angelozzi, l'attuale direttore generale delle aquile. “Guido oltre che essere un grande dirigente è anche un grande amico – ammette – e sono molto contento che sia ritornato alla Spezia. Fu lui a portarmi in Puglia dopo aver smesso di giocare, dove allenai la primavera due stagioni. E' un direttore che ha fatto sempre bene, una persona molto competente che sa di calcio e che è nell'ambiente da tanto tempo. In Liguria potrà sicuramente rivelarsi un valore aggiunto. Tiferò sicuramente Spezia in B anche per Guido”.

Sempre al Bari, in quei anni, c'era Roberto Alberti, il responsabile del settore giovanile dello Spezia. “Praticamente quando arrivò lui, io andai a Pescara – continua Giampaolo – ma lo conosco, sa gestire bene il settore giovanile ed anche lui è una persona estremamente competente, come del resto anche Pietro Doronzo, che so essere il segretario generale dello Spezia e che ha lavorato con me ad Andria. Insomma, mi par di capire che a livello dirigenziale la società aquilotta si sia mossa molto bene. Di Natale? Non sapevo nulla, ma sicuramente vista la sua esperienza non potrà che contribuire a far crescere tutto l'ambiente”.

Infine, dal presente, all'estrema attualità, con l'ottava edizione del “Trofeo Mattia e Ilaria”, il cui l'intero ricavato sarà devoluto alle famiglie delle 43 vittime del crollo del ponte Morandi. “Entrambe le società, Spezia e Sampdoria, sono da sempre state molto vicine a questi tipi di aspetti – conclude - e sono dotate di grande sensibilità. Manifestazioni come queste sono apprezzabili, lo sport in questi casi può dare una grossa mano”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News