Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 17 Giugno - ore 22.33

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Forget Cosenza, Marino: “La rabbia diventi gioco”

Domani è la partita che non si può sbagliare per accedere ai play-off. “Siamo in ripresa, ho sempre visto carattere nel gruppo. Le assenze a centrocampo? Noi contiamo sulla forza del gruppo”.

Forget Cosenza, Marino: “La rabbia diventi gioco”

La Spezia - “Abbiamo avuto due buone opportunità prima dell’episodio che poi ha condizionato la gara. Non ci piangiamo addosso, sappiamo che possiamo fare anche meglio. Domani sarà una sfida molto importante. Tra mille difficoltà, perché abbiamo qualche elemento mancante, dobbiamo dimostrare di essere un gruppo forte. La rabbia della scorsa settimana dobbiamo tramutarla, in campo, nelle nostre qualità”. Pasquale Marino al D-Day, quello dello sbarco nei play-off. Con una vittoria contro il Perugia gli aquilotti farebbero un passo forse decisivo, in attesa delle difficili trasferte di Palermo e Lecce.

Da Perugia parlano di una finale di Champions.
“Lo sono tutte, anche quelle che coinvolgono le altre concorrenti ai play-off. Ci sono altre squadre che sono tornate sotto come Ascoli e Cremonese, i primi vanno contro il Cittadella che quindi è una concorrente diretta. Ci sono quattro finali per chiunque abbia una qualche ambizione”.

Spezia senza mezze misure: o si vince o si perde.
“Nelle ultime cinque partite abbiamo dimostrato di essere in ripresa. Sappiamo come è andata a Foggia e Cosenza e quindi qualche punticino in più lo meritavamo. Non siamo riusciti sempre a fare i novanta minuti come volevamo, ma complessivamente ho sempre visto carattere e voglia di raddrizzare le partite. Siamo andati a vincere a Benevento dopo quattro sconfitte”.

Il “caso Livorno”, con il senno di poi, ha inciso sul percorso del suo Spezia?
“Ci sono stati tanti fattori, interni ed esterni, come dicevo. Anche le altre hanno avute alti e bassi. Quando vinci, non abbiamo potuto godere della vittoria contro Cittadella. La vittoria da entusiasmo, è iniziato un periodo in cui non si parlava di calcio per noi a quel punto. Nell’inconscio qualcosa ha potuto incidere. Tanti fattori hanno determinato alcune prestazioni negativa. Con il Verona abbiamo atto una buona gara ma non meritavamo di perdere, mentre contro Pescara e Padova sì. Rialzarsi come abbiamo fatto è il dato positivo”.

Ricci e Mora out, serviranno forza fresche dalla panchina.
“Non considero nessuno alternativo. Non mi piace questa parola. Maggiore, Crimi e De Francesco sono ragazzi che hanno sempre dato apporto quando chiamati in causa. Magari potranno non avere intensità per novanta minuti, ma hanno la nostra fiducia”.

Cosa ne pensa del Perugia?
“Giocano di squadra, molto all’attacco. Sanno ripartire bene e dovremo stare attenti. C’è poco da dire sull’organizzazione che è riuscito a dare Nesta. Le due fasi dovranno essere curate al meglio, le marcature preventive sono un aspetto importante”.

A.BO.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia































La Piazza Sospesa sorgerà tra Via Diaz e il lungomare: vi piace il progetto?











Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News