Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Domenica 28 Febbraio - ore 22.13

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Di Natale, il telecomando è pronto: "Udinese è forte, ma lo Spezia gioca bene"

Ex allenatore dell'U17 aquilotta ("Peccato essersi fermati"), verso l'esame per il patentino Uefa A. "Contento per il gol di Gyasi, gli dicevo di fare le cose semplici in area".

presto di nuovo in panchina
Antonio Di Natale

La Spezia - Gli è rimasta qui quella stagione abbandonata in corsa. Il suo Spezia U17 aveva trovato un bell'equilibrio. Passata da battere con due 6-1 consecutivi la Lazio e il Livorno ad una serie di pareggi, sempre con vista sulle prime posizioni. Poi la pandemia ha spazzato via tanti buoni presupposti. "Un peccato esserci fermati. E allora ho deciso di studiare. Sto facendo il corso per il patentino a Coverciano. Ho anche rifiutato qualche proposta. Trovo giusto fare questo percorso, aspettare. La situazione di quest'anno non è facile. Però sì, mi piacerebbe continuare con i ragazzi". Una carriera iniziata al Ferdeghini-Intels per Antonio Di Natale, che qui ha capito che insegnare ai più giovani è davvero nelle sue corde.
Spezia-Udinese è una partita per cui ha già impostato il promemoria sul decoder. "Mi aspetto una bella partita, combattuta. Credo che l'Udinese sia una squadra forte, che ha fatto un po' di fatica all'inizio ma è composta da calciatori molto validi. Anche lo Spezia ha una buona squadra, è ben organizzato in campo e non molla mai. Ci sarà da divertirsi. Domenica sono punti importanti quelli che si giocano, per entrambe. Nel girone di ritorno ogni risultato pesa di più".

Sono 227 le reti totali con i friulani. Sono 209 quelle in serie A, in parte segnate con la maglia dell'Empoli. Il presente alla Dacia Arena si chiama Fernando Llorente, uno che avrebbe forse composto una grande coppia con il napoletano in campo. "E' un acquisto sensato, avevano tanti giocatori rapidi in rosa e uno come Lasagna che dava molta profondità. Llorente ha caratteristiche diverse, che credo si possano sposare con il 3-5-2. Fisicamente è abbastanza grande, è un anno e qualcosa che non gioca una partita da titolare e forse potrebbe pagare in tenuta. Ma è un giocatore molto importante, anche dovesse entrare a partita in corsa".
Ieri Di Natale si è goduto il quarto di Coppa Italia, partita dai due volti. "Mi sono divertito. Il primo tempo ho visto un Napoli che ha fatto tanto, nella ripresa meglio lo Spezia. Comunque due squadre che giocano un bel calcio. Italiano si sta dimostrando un grande allenatore, uno che non è in serie A per un caso del destino. Sta portando una squadra all'obiettivo salvezza con le sue idee. Si capisce che è uno che guarda ad ogni dettaglio in allenamento, si merita quello che sta ottenendo".
Ieri gol di Emmanuel Gyasi, uno che è passato anche dalle sue cure quando era collaboratore tecnico di Pasquale Marino. "Sono contento abbia segnato. Lui aveva grandi qualità, ma quando arrivava sotto porta cercava sempre di fare le cose difficili. Io ho cercato di lavorare su quello con lui, sulla freddezza in area di rigore. E poi è un bravissimo ragazzo, gli faccio i complimenti".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News