Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 20 Luglio - ore 22.30

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Cinque settimane per diventare grandi davvero

In nove turni lo Spezia incontra otto delle attuali prime dieci della classifica. Conteranno i punti ma anche la differenza reti.

Cinque settimane per diventare grandi davvero

La Spezia - Otto scontri diretti, quattro in casa e quattro in trasferta. Cinque settimane di fuoco, in cui lo Spezia prova a dare il definitivo assalto alla zona play-off dopo aver navigato al confine tra due mari per i primi tre quarti di campionato. Si parte da Cittadella il 25 marzo e si chiude a Perugia nella prima settimana di maggio: allora i giochi saranno fatti o quasi. In mezzo le traferta di Verona e Frosinone, mentre al "Picco" verranno a cerca fortuna Benevento, Virtus Entella, Bari e Spal. I ferraresi, a quattro dalla fine, potrebbero addirittura cercare i decisivi punti promozione in Viale Fieschi.
Classifica spaccata. Sono otto le squadre in lizza per i sei posti play-off. Già oggi c'è una frattura evidente tra le prime undici e il resto della serie B. A loro volta, nel primo gruppo c'è una testa con un passo differente. Spal, Frosinone e Verona sembrano ad oggi destinate a giocarsi i primi due posti che valgono la promozione diretta. Il Benevento paga l'ultimo mese di crisi e oggi guida una truppa che tra i 48 e i 43 punti comprende anche Perugia, Bari, Spezia, Novara, Cittadella, Entella e Carpi. Di queste, la squadra di Mimmo Di Carlo ne incontrerà cinque.

Scontri diretti. Quelli di primavera sono punti che valgono il doppio, ma peseranno come macigni anche i gol. Se l'equilibrio di oggi rimarrà fino alla fine, la differenza reti diventerà un fattore importante, sia negli scontri diretti che in generale, per decidere la classifica finale in caso di arrivo appaiati. I bianchi sono in questo momento in svantaggio con Benevento (1-0 all'andata), Verona (1-4) e Spal (2-1); in pari con Cittadella (1-1), Bari (1-1), Frosinone (0-0) e Entella (2-2); in vantaggio con il solo Perugia (2-1). Escludendo le prime tre dal novero, Terzi e compagni vantano una vittoria, tre pareggi e una sconfitta. Contro il Novara, unica già incontrata due volte, c'è parità: 1-0 al "Picco" e 2-1 al "Piola".
In mezzo al guado. Un altro fattore che mette in numeri una sensazione forte: lo Spezia non ha ancora trovato la sua definitiva quadratura. Non tattica e neanche fisica, quanto mentale. Non si tratta dei normali alti e bassi tipici del campionato di serie B, i bianchi non hanno mai trovato una striscia di risultati positivi così come non hanno mai vissuto una vera e propria crisi. Si naviga, a volte con il vento in poppa e magari subito dopo nella bonaccia.
Una decisa differenza rispetto agli scorsi anni. Sia la creatura di Bjelica del 2015 che quella Di Carlo del 2016 erano arrivate agli spareggi con un ruolino di marcia coerente. Con il croato una formazione votata all'attacco metteva tutte le fiches sul tavolo dal primo minuto; l'anno scorso il tecnico di Cassino aveva creato un gruppo solido che rischiava il giusto e che poteva fare exploit come quello di Cesena, dove i padroni di casa non cadevano da lunghissimo tempo. Quest'anno invece a un primo tempo dominato come quello di Brescia o in casa contro il Carpi può seguire una mezz'ora di sbandamento; a una vittoria di personalità contro l'Ascoli una prova incolore come quella del "Cabassi". Punti e certezze: le seconde arriveranno solo insieme ai primi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure