Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 19 Marzo - ore 20.44

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Centrali in ritardo, sulla destra non si punge e dai cambi nessun cambio

Ancora un buco al centro, poi il palleggio diventa prevedibile. Ricci si spegne presto, Pierini non incide ma Augello e Mora lavorano bene. Lamanna evita lo 0-3 con una grande uscita.

le pagelle
Centrali in ritardo, sulla destra non si punge e dai cambi nessun cambio

La Spezia - Lamanna 6 - Ancora una volta deve ammirare la prodezza di un avversario dai 25 metri, poi evita lo 0-3 con una grande uscita.

De Col 5 - Sulla sua fascia non si va molto lontano, tanta distanza tra lui e Vignali (12'st Galabinov 5 – Non si vede un granché).

Terzi 5 - Beffato da Baraye che gli fa passare il pallone davanti, capitola anche lui nell'occasione del secondo gol.

Ligi 5 - Lento a chiudere sulla sgroppata di Bonazzoli, capisce tardi dove sarebbe andato a parare l'attaccante di Bisoli.

Augello 6 - Una furia sulla sinistra, sfodera un cross teso dopo l'altro finché le forze lo sostengono.

Bartolomei 5,5 - Sul destro gli capitano almeno tre buone occasioni, ma dal suo lato predica nel deserto.

Ricci 5 - Parte bene ma poi sembra il termometro della scarsa vena di tutta la squadra, con tanti palloni toccati con sufficienza e quel buco al centro in cui Bonazzoli si incunea e punisce (18'st Maggiore 5 – Non arriva da lui la corrente elettrica che serve alla lampadina per accendersi)

Mora 6 – Decisamente uno dei pochi a vedere la strada da cui passare per rendersi pericolosi, il fianco sinistro è l'unico che ricorda lo Spezia di un mese fa (39'st De Francesco sv)

Vignali 5 - A parte la rovesciata, tocca proprio pochi palloni e con nessuno di questi riesce a farsi vedere.

Okereke 5,5 - Subito molto mobile, poteva fare qualcosa di più su questi due colpi di testa ma serve due assist preziosi.

Pierini 5 - Tra tutti è quello che si muove di più, ma gli manca il killer instinct per trasformare l'intuizione in qualcosa di tangibile.


All. Pasquale Marino 5 - Quando il palleggio si interrompe troppo presto, perdere il pallone per lo Spezia significa aprire una voragine al centro. In quella terra hanno trovato dimora i tiri dalla distanza del Verona e del Carpi, questa sera anche del Padova con Bonazzoli. Così la partita diventa presto quella di Bisoli, che mette tutti dietro la palla, o possibilmente in area, e lascia là davanti i corridori. Non si trovano anticorpi per combattere questa piaga, che Marino aveva chiesto di evitare in conferenza stampa.
In generale però oggi è giorno buono per riflessioni più ampie. La sua squadra sembra non divertirsi più, tanto che alla fine in campo è meno serena di un Padova che è probabilissima retrocessa anche con la vittoria di oggi. Certo, avere fuori in pratica tutte le ali tranne la più giovane in rosa non è un handicap da poco. Ma nessuno obbliga al 4-3-3 anche quando non ci sono gli interpreti più affidabili a disposizione. Quattro sconfitte in cinque partite sono un campanello d'allarme inquietante e i cambi, a differenza di quanto succedeva prima, non paiono essere un'ulteriore risorsa da cui pescare. Spegnersi ora che la stagione s'accende sarebbe un grande peccato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News