Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Venerdì 19 Ottobre - ore 23.48

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Capone, il protagonista mancato della supersfida di venerdì

Cresciuto nelle giovanili dell'Atalanta ha scelto di scendere in B anziché fare il titolare nella Primavera nerazzurra. E a conquistato tutti ma l'infortunio al piede lo terrà fuori fino a dicembre. "Fate come me se siete forti di testa".

talento
Capone, il protagonista mancato della supersfida di venerdì

La Spezia - A 18 anni, anziché giocare con la Primavera dell’Atalanta, dall'anno scorso ha scelto di vestire la maglia del Pescara per un percorso diverso. La storia di Christian Capone non passerà però dall'Alberto Picco dove gli adriatici saranno ospiti venerdì sera nell'anticipo della giornata. L'attaccante ha subito infatti lo scorso 9 ottobre un'operazione a causa della rottura del quinto metatarso del piede: 15 giorni di stop totale e riabilitazione a Zingonia, quartier generale dell'Atalanta che ne è ancora la proprietaria, più o meno come è successo ad Erlic, che lo Spezia ha mandato a Sassuolo per la fase di recupero. I tempi previsti per il ritorno in campo sono di circa 2 mesi e non sbiadiranno certo la voglia di arrivare di un ragazzino che nel mondo pallonaro è cresciuto in fretta. Ha solo 19 anni e dai primi calci all’oratorio di Abbiategrasso, al campo di Seinajoki, in Finlandia dove con l’Under 19 ha sfiorato l’impresa, non è passato poi così tanto tempo.

E' lui uno di protagonisti di B Magazine, il periodico della Lega di B. "Mi volle l’Atalanta: due allenamenti alla settimana più la partita ma la strada per Zingonia non mi ha mai pesato" - racconta (sul sito della Lega l'intera intervista). "Francamente non pensavo alla carriera, a 11 anni hai solo voglia di giocare a calcio e di continuare a giocare a calcio. Il campionato di B? L'ho scelto per crescere. Rispetto al campionato Primavera è un altro mondo: nello spogliatoio non ci sono solo tuoi coetanei, ma uomini, calciatori che sono professionisti da più di dieci anni. In campo l'impatto è stato traumatico ma con il tempo le cose sono migliorate". Una decisione vincente perché l’esterno d’attacco, rarità nella crisi di talenti dell'Italia del calcio, ha segnato 6 gol e conquistato la maglia di Under 21 e Under 19. "Se lo consiglio? Sì, a chi è forte di testa perché può accadere che si sia protagonisti con la Primavera, ma in prima squadra per una serie di motivi puoi non risultare tra i più considerati".

Da centrale di centrocampo ad ala per intuizione di Massimo Cicconi, ex attaccante di Fiorentina e Atalanta, per una crescita esponenziale in pochi anni. Fino all'Europeo, un ricordo agro-dolce per tutto il gruppo che ha sfiorato la vittoria: "C’è un po’ di amarezza, perché è normale. Chi fa il professionista vuole vincere tutte le partite che gioca, anche quelle impossibili e quella finale non lo era. Noi sappiamo di aver dato tutto".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News