Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Venerdì 25 Settembre - ore 23.56

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Capienza 250 persone e le riserve sedute nei distinti

Questo il numero massimo di persone ammesse. Se non bastasse lo spazio in panchina, alcune riserve potrebbero essere dirottare sugli spalti per garantire il distanziamento fisico. Si sperimenta tutto venerdì 19 alle 17.30 con Spezia-Empoli.

metro e orologio
Capienza 250 persone e le riserve sedute nei distinti

La Spezia - Lo stadio "Alberto Picco" si appresta a ritrovare il calcio, tre mesi e mezzo dopo l'ultima partita giocata. I prossimi saranno giorni di preparativi per arrivare all'appuntamento di venerdì 19 giugno, quando gli obiettivi delle telecamere torneranno ad inquadrare il verde del terreno di gioco di Viale Fieschi per l'anticipo della 29esima giornata. Alla fine l'orario prescelto è quello delle 17.30 per il fischio d'inizio della partita contro l'Empoli, secondo appuntamento televisivo di questo finale estivo di stagione dopo il recupero Ascoli-Cremonese previsto per mercoledì 17 alle 18.30. C'è una settimana per organizzare tutto per lo Spezia Calcio e per tutti gli attori coinvolti, istituzioni e forze dell'ordine.
Il campo di gioco non ha mai smesso di essere curato e anzi ha goduto di lunghe settimane di pausa senza venire calpestato. I locali interni saranno sanificati come da protocollo per poi venire sanificati nuovamente nei giorni successivi a questo secondo esordio stagionale in vista della partita contro il Pisa programmata a lunedì 29 in serale. Ma sono molte di più le accortezze che andranno messe in pratica per rendere lo spettacolo, puramente televisivo, funzionale e sicuro a livello sanitario.

Rispetto alla massima serie, in cadetteria il limite di persone ammesse all'interno dell'impianto è ridotto: 250 in totale, cinquanta in meno. Il loro ingresso è rigidamente programmato in modo da evitare il più possibile la commistione nelle zone di passaggio. Questo significa che il "Picco" avrà tutti i varchi chiusi e i tornelli disattivati. Per tutti è obbligatoria la misurazione della febbre con il termoscanner in una zona buffer che dovrebbe essere individuata alle spalle della tribuna. Con temperatura corporea minore di 37.5° si ottiene il via libera a recarsi presso la propria zona di destinazione: gli spogliatoi per i calciatori, il bordocampo per i fotografi, la tribuna stampa per i giornalisti etc.
Il "pieno", il momento di maggiore presenza, si ottiene all'interno dei 90 minuti di gioco. Ma già con l'arrivo delle squadre al campo si possono sfiorare le 240 persone all'interno della struttura. Per la serie B, il "Picco" della Spezia farà in pratica da apripista insieme al "Del Duca" di Ascoli. Sono occasioni in cui si sperimenteranno le soluzioni per il distanziamento fisico, ovviamente ritagliate su misura alla conformazione dell'impianto. Soluzioni che potrebbero anche apparire curiose. Per esempio, non è escluso che al Picco alcune delle riserve prendano posto nei distinti se non dovessero bastare le panchine aggiuntive per garantire la distanza tra un atleta e l'altro. E la stessa fase di riscaldamento, dovrà essere attivata in modo da evitare ai calciatori di incrociarsi. Salvo poi magari marcarsi stretto sul campo pochi minuti dopo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia






FOTOGALLERY




















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News