Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Sabato 23 Gennaio - ore 22.22

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Bartolomei, Mastinu e Mora: lo Spezia rinuncia alle bandiere per la serie A

Meluso deve snellire una rosa da oltre trenta giocatori e poi cercare due calciatori di categoria. In lista di cessione un portiere, due terzini e tre centrocampisti. Il centravanti arriverà solo se parte Galabinov. Primo acquisto: Elio Capradossi.

sfoltita a gennaio
Bartolomei, Mastinu e Mora: lo Spezia rinuncia alle bandiere per la serie A

La Spezia - Lunedì 4 gennaio 2021 incomincia il mercato invernale. Per lo Spezia e per Mauro Meluso sarà soprattutto un'opera di sfoltimento. La rosa di oltre trenta giocatori, che si è dimostrata peraltro preziosissima in questo primo terzo di campionato, andrà limata per poter accogliere un paio di nuovi acquisti più il rientro di Elio Capradossi, il primo vero ingresso programmato di questa sessione invernale. Un'ala ed un centravanti (a seconda delle condizioni di Galabinov) sembrano essere nei piani del club. Nessuno stravolgimento, magari la ricerca di un po' più di esperienza in categoria e un occhio ad eventuali affari che si dovessero presentare strada facendo.
Ad essere sacrificati potrebbero essere alcuni degli elementi più rappresentativi della promozione in serie A ed in generale degli ultimi anni. Bartolomei, Mora e Mastinu sono tre gli indiziati maggiori a cambiare casacca. Non è detto che ciò avvenga a titolo definitivo, anche se tutti e tre sono ormai attorno alla trentina e hanno bisogno di certezze. Il primo piace al Monza grandi firme di Berlusconi e Galliani, che fa fatica a mandare giù il boccone duro della serie B nonostante le spese fatte. Il secondo è corteggiato dalla Spal di Mattioli e Marino dall'estate, senza che si sia trovata la giusta contropartita. Il terzo piace in particolare all'Entella e al Vicenza di Di Carlo.

Portieri. Il 2021 dovrebbe riportare Jeroen Zoet in mezzo ai pali. Uno degli acquisti più importanti della scorsa estate, presto finito ko a causa di un problema muscolare di non poco conto. Alle sue spalle si è ben comportato Provedel, sebbene abbia finito in calo, mentre Rafael ha più che altro il ruolo di chioccia a questo punto. Sacrificato Titas Krapikas, giovane di buone speranze che ha mostrato grandi doti in Coppa Italia e per cui si cerca una sistemazione temporanea.

Centrali. Situazione qua tra le più chiare di tutta la rosa. I quattro che si sono alternati ad oggi – Terzi, Chabot, Erlic e Ismajli – hanno tutti mostrato la propria utilità. C'è da fare spazio al rientro di Elio Capradossi, rimasto fuori lista dopo l'operazione al ginocchio e per cui c'è adesso da trovare una casella libera. Rimarrà anche Dell'Orco, ancora alle prese con il problema muscolare dopo uno scontro in allenamento con Agudelo, ma prezioso per esperienza e duttilità.

Terzini. Sulla fascia sinistra la scelta ricade ormai sull'alternanza tra Marchizza e Bastoni, il primo più difensore ed il secondo più attaccante ma entrambi perfetti per il gioco di Italiano. Smentito l'interesse per Oliver Kragl dell'Ascoli, per Juan Ramos (positivo nelle prime uscite stagionali) si cercherà una soluzione in prestito. E' un calciatore su cui lo Spezia crede in prospettiva. A destra situazione più fluida, con Ferrer punto di riferimento ma, dietro di lui, Vignali che ha scalato posizioni dopo il flop di Sala contro il Crotone. Si attende il rientro di Mattiello, jolly e potenziale titolare se riuscirà a lasciarsi alle spalle i problemi fisici.

Centrocampo. In questa zona del campo sono attese le maggiori novità in uscita. Hanno trovato poco spazio alcune delle colonne portanti degli scorsi anni: sono Paolo Bartolomei (che piace al Monza), Luca Mora (la Spal di Marino lo segue ancora) e Beppe Mastinu (su cui ci sarebbero l'Entella ed il Vicenza di Di Carlo). Tutti e tre in uscita, non è detto a titolo definitivo.
In regia quindi rimarrebbero Ricci, Leo Sena e Agoume, che lo Spezia non vorrebbe muovere a meno non arrivi una richiesta esplicita in tal senso dal calciatore. Mezzali sinistre Maggiore e Pobega, a destra Estevez e forse Deiola, con Acampora jolly tattico da utilizzare in pratica in tutti i ruoli, compreso l'esterno d'attacco.

Ali. Imprescindibile Gyasi, che ha già rinnovato il contratto ed è il vero fedelissimo di Italiano in questo ruolo. Si sono integrati nel calcio dello Spezia l'esperto Farias, il brillante Agudelo e soprattutto Verde, che qui ha trovato il modulo perfetto per esaltarsi. C'è spazio per un ulteriore arrivo, da valutare anche in virtù delle condizioni dell'ex AEK Atene.

Centravanti. Blindato Nzola con un contratto triennale, molto buono il suo approccio alla categoria. Come detto altrove, Piccoli ha mercato in serie B ma lo Spezia vorrebbe trattenerlo e anzi proverebbe a confermarne il prestito in caso di salvezza. Rimane aperta la questione Galabinov, mai messo sul mercato dal club ma in scadenza a giugno 2021. Il bulgaro vorrebbe rimanere per riconquistare la sua nazionale. Per trattenerlo serve un rinnovo, in caso non mancano le offerte dalle serie inferiori.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News