Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 17 Agosto - ore 23.40

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

"Stadio? Priorità sono ben altre, niente soldi pubblici"

CDS ha chiesto ai candidati sindaco il loro punto di vista sullo stadio cittadino, che oggi non potrebbe ospitare la serie A. Maria Di Filippo corre per Forza Nuova: "Prima il degrado sociale della città. In caso di A subito un tavolo con lo Spezia".

`Stadio? Priorità sono ben altre, niente soldi pubblici`

La Spezia - Lo stadio "Alberto "Picco" e i candidati sindaco. In vista delle elezioni di giugno 2017, CDS ha posto alcuni quesiti agli aspiranti primi cittadini in merito allo stadio del calcio. Il vecchio "Picco" è argomento dibattuto in città da decenni, ma oggi la questione degli impianti del calcio è un tema di peso europeo che non interroga solo architetti e urbanisti, ma gli stessi club, le leghe professionistiche, le federazioni e ovviamente la politica.
Lo Spezia Calcio vive uno dei momenti più alti della propria storia, sfiora la promozione in serie A da tre anni consecutivi e gioca in uno stadio che, oggi come oggi, non avrebbe i requisiti per ospitare partite della massima serie. Proviamo ad anticipare il problema parlando direttamente a coloro i quali potrebbero avere - i tifosi si augurano già da giugno - la questione sul proprio tavolo.

Parla oggi Maria "Marina" Di Filippo", candidata per Forza Nuova. "Premesso che mi piace il calcio e sono tifosa dello Spezia, oggi credo che la città abbia altre priorità, per esempio: ordine, sicurezza, controllo del territorio e decoro, che non quella dello stadio nuovo. In una situazione generale politica, amministrativa esociale normale potrebbe essere appunto anch’esso una priorità. Al contrario in questa situazione di degrado, in tutti i sensi, compreso quello morale, lo è meno".

Stadio solo con soldi privati. "Sono contraria ad investire soldi pubblici. In Italia il calcio è costume, tradizione, aggregazione e appartenenza, ma vista la pesante situazione dei bilanci pubblici e la persistente congiuntura finanziaria ed economica, figlia di politiche scellerate, è opportuno attirare capitali privati per dirottare le risorse pubbliche ad allentare la pesante situazione di una città allo sbando".
Priorità? Lo dicano Spezia Calcio e tifosi. "Sulle opere da fare allo stadio in via prioritaria, a parte i sentito dire o le lamentele, al momento non ho una cognizione diretta e concreta dei problemi. Come sindaco attiverei subito un confronto tecnico con i privati interessati, con lo Spezia Calcio, e con la tifoseria che è poi il vero utilizzatore dello stadio".
Concessione trentennale? Pensarci bene. "Certo trent'anni sono tanti, ma bisogna valutare anche quello che potrebbe essere l’esposizione dei privati. E’ sicuramente una cosa da valutare, mafari con clausole che garantiscano e ci garantiscano. Area Enel? Se ne sentono di tutti i colori, mi pare si cerchi di attirare voti con la “fantascienza”. Certo che nell’ambito delle prerogative del sindaco siamo disponibili a trovare spazi nuovi e compatibili al tessuto urbano della città. Ne parleremo appena avremo “normalizzato” la Spezia".
Spezia in A? Subito un tavolo. "Se poi lo Spezia va in serie A è chiaro che qualcosa bisognerà fare. Intanto interfacciarci intensamente con lo Spezia calcio, cosa che comunque farò a prescindere in caso di elezione. Formule per il rifacimento del Picco? Credo non ci siano formule nel termine che intendo io. Come già detto bisogna sedersi ad un tavolo molto tecnico e valutare l’esistente e il da fare in tempi veloci. C’è da dire anche che nel mondo dei campi da calcio c’è poco da inventare. Sicuramente cercheremo interlocutori validi nella massima trasparenza".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure