Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 15 Ottobre - ore 11.06

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

"Razzismo in campo? Io non mi faccio influenzare"

Gyasi, nato a Palermo da genitori ghanesi, è diventato cittadino italiano solo nel 2016. "Anch'io ho subito qualche battuta dai tifosi avversari in passato. La Spezia? Colombo e Nelso Ricci mi avevano detto che era speciale. Avevano ragione".

Esterno rivelazione
"Razzismo in campo? Io non mi faccio influenzare"

La Spezia - “Finalmente siamo riusciti a ottenere i tre punti anche in trasferta. E' un'emozione bellissima giocare una partita sentita come quella, ma quando la vinci lo è ancor di più”. E come contraddirlo, Emmanuel Gyasi, fresco del suo primo Livorno-Spezia. L'esterno è una delle rivelazioni di questo inizio di stagione dello Spezia, partita dopo partita si sta ritagliando il suo spazio negli schemi di mister Marino. “Sicuramente l'aver sempre giocato con il 4-3-3 sin dalle giovanili mi ha agevolato tatticamente – ammette Gyasi – ma c'è ancora tanto da lavorare. Sono felice del mio rapporto con squadra e staff, personalmente so che posso migliorare e dare molto di più”.

Dopo tanti prestiti nelle serie minori, Gyasi è finalmente giunto nella squadra detentrice del suo cartellino, in una serie superiore, per giunta. “Il salto di categoria si sente – prosegue l'esterno – sopratutto dal punto di vista fisico. Si corre maggiormente e più rapidamente, il ritmo è sicuramente più intenso. Giocare per la squadra in possesso del tuo cartellino è qualcosa di diverso, ti spinge veramente a dare il tutto per tutto, ed è quello che sto facendo. Il contratto in scadenza? So che il mio procuratore sta parlando in questi giorni con la società, in questo senso non penso ci siano problemi. Ricordo, in uno dei vari prestiti, la stagione a Pistoia. Arrivai lì per volere di Nelso Ricci. In squadra mi ritrovai con Corrado Colombo, un giocatore devastante con il quale mi trovai molto bene. Entrambi in quell'anno mi parlarono molto bene dello Spezia e della sua piazza, che era speciale. Adesso non posso che dar loro ragione”.

In Italia, come è noto, ultimamente si parla sempre più di razzismo e discriminazione. Emmanuel, che è nato a Palermo nel gennaio del '94 da genitori ghanesi, ha ricevuto la cittadinanza italiana solo di recente. “Nonostante sia nato in Italia ho dovuto aspettare solo il 2016 per prenderla. Gli episodi di razzismo esistono, in Italia e non solo. Non è sicuramente un fenomeno che si può circoscrivere solo al nostro Paese, penso ovunque, in tutto il mondo, questo sia un problema. Crescendo qualche episodio è capitato anche a me, dentro e fuori dal campo, ma sinceramente non ci ho mai dato troppa importanza. Succede ogni tanto di sentirsi dire qualcosa, sopratutto dai tifosi avversari. Qualche 'battuta'. Ma sinceramente non mi sono mai lasciato influenzare”. Quel che interessa a Gyasi ora è l'anticipo di venerdì sera, al Picco, con la capolista Pescara. Potrebbe essere di nuovo titolare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News