Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Venerdì 19 Ottobre - ore 18.29

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

“Potevamo chiuderla senza imprecisioni e egoismi”

Marino voleva meno sofferenza: “Senza la parata di Manfredini poteva arrivare il pareggio. Galabinov, Ricci e Crimi devono ancora trovare la forma migliore”.

CI SONO AMPI MARGINI
“Potevamo chiuderla senza imprecisioni e egoismi”

La Spezia - “Ci piace soffrire. Abbiamo peccato di precisione e di egoismo perché potevamo servire compagni più liberi e abbiamo scelto il tiro. E questo ha fatto sì che rimanessimo in ansia fino al 93esimo”. Pasquale Marino avrebbe voluta chiuderla prima come tutti. Così non è stato e non sono mancati i brividi. “Sulla sinistra hanno spinto bene, si sono visti i presupposti per arrivare al cross e alla conclusione. La sovrapposizione di Augello aiutava Bidaoui ad accentrarsi. Ma anche Okereke e Gyasi non hanno concretizzato le occasioni. Quando c’è il momento di chiudere la partita bisogna farlo. Manfredini ha fatto una grande parata, ma poteva uscire un pareggio.

Gli episodi hanno fatto arrabbiare Venturato. “Il rigore mancato? E’ partito da un calcio d’angolo, la maglia si è allargata ma bisogna vedere quanto sia stato condizionato. L’arbitro era lì davanti e ha deciso così. Sull’espulsione, mi hanno detto che è dipeso dalle proteste”.
Il Cittadella ha ben giocato. “Credo che abbiamo incontrato una squadra che merita la posizione che ha. Sanno palleggiare, sono organizzati, hanno uno staff tecnico scafato”.

Lo Spezia non è ancora quello che il tecnico vorrebbe. “Galabinov non è ancora al massimo della condizione, deve ancora migliorare anche nei movimenti tattici. Ma è tutta la squadra che ancora non si muove al meglio. Ci sono delle difficoltà, a il tempo è dalla nostra parte. L’entusiasmo di una vittoria ti aiuta a creare quell’entusiasmo che fa imparare i ragazzi con più velocità. Ci sono tanti giovani che devono diventare più smaliziati e concreti. Ricci? Non è un atleta forte fisicamente ma è molto intelligente perché legge le traiettorie di passaggio e recupera tanti palloni. Deve essere bravo a fare le due fasi. E’ tra quelli che deve migliorare dal punto di vista della condizione. Anche Crimi sta entrando adesso nella fase migliore”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News