Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 01 Giugno - ore 18.24

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

“Più concreti davanti alla porta, classifica assurda”

Italiano vuole ripartire nel 2020 come ha chiuso l’anno. “Oggi abbiamo concesso poco ad una squadra forte e organizzata. Il mercato? Si può crescere, importante non fare danni”.

Il mister
“Più concreti davanti alla porta, classifica assurda”

La Spezia - “Preparare questa partita in 24 ore è difficilissimo perché loro hanno tante soluzioni e sono molto organizzati. In poco tempo siamo riusciti a farci trovare pronti, siamo partita aggressivi per opporci alla loro fiducia dovuta al 4-0 dell’ultima partita. Abbiamo forzato perché dovevamo tornare a fare gol e a vincerla. A parte gli ultimi 45 secondi, non abbiamo concesso molto”. Vincenzo Italiano chiude l’anno come meglio non poteva, vincendo contro una squadra davvero forte e organizzata. “All’inizio della stagione creavamo tante palle gol senza concretizzare. Ragusa non giocava lì da tanto tempo, ha fatto quello che deve fare un attaccante. Chiaro che spalle alla porta si può fare meglio ma si è molto sacrificato. Se abbiamo concesso loro solo tre o quattro occasioni, credo che abbiamo fatto il massimo. La nostra vittoria credo ci possa stare sia legittimata dalle tante ripartenze”.

“Ci sono momenti e momenti durante le partite. Loro hanno quella palla lunga su Djuric che penso ogni squadra del mondo potrebbe soffrire, eppure gli abbiamo concesso molte meno palle gol di quante ne abbiano avute nelle ultime uscite”. Ferrer e Marchizza hanno avuto grande lavoro sugli uno contro uno, poi li centrocampo ha fatto grande filtro. “Bartolomei stava lì a sporcare ogni pallone, sapendo che avremmo rischiato qualcosa dietro con Cicerelli e Lombardi che puntavano i terzini. Un rischio calcolato. Con i nostri due esterni là davanti loro non potevano andare fino al limite dell’area a prendere i nostri difensori come hanno fatto contro il Pordenone”.
La classifica è migliorata. “Ma io la trovo assurda. Siamo a due passi dai playout e a due passi dai playoff. E’ un equilibrio pericoloso e i valori di tante squadre non sono ancora venuti fuori. Tutte o quasi hanno avuto almeno un periodo di crisi. Credo che nel girone di ritorno si alzerà l’asticella”. E sul mercato. “Vediamo quello che si può fare per crescere. Importante non fare danni. Oggi paghiamo un inizio brutto in cui giocavamo meglio ma non facevamo punti. Ripartire così come abbiamo terminato sarà la cosa fondamentale”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia




VIDEOGALLERY






















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News