Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 16 Ottobre - ore 23.40

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

“Partiti troppo lenti, sabato vedrete una reazione”

Matteo Ricci è il nuovo regista dello Spezia. “Conosciamo la nostra strada, l’intesa migliorerà insimte alla condizione fisica. Il gioco non è venuto fuori a Venezia”.

“Partiti troppo lenti, sabato vedrete una reazione”

La Spezia - “Un tempo per uno, noi meglio nel secondo. Una classica partita di inizio anno con ritmi bassi e decisa da un tiro sporcato”. Non il tipo di partita che può esaltare le caratteristiche di Matteo Ricci, regista dello Spezia che a Venezia ha perso all’esordio in campionato.
“La poca brillantezza? Un discorso di condizione fisica, miglioreremo con il tempo. Sappiamo qual è la nostra strada e l’abbiamo già imboccata. Il campo era pesante perché aveva piovuto nei giorni prima”.

Giocare a due tocchi e cambiare fascia, questo doveva essere il vostro gioco ma non è venuto fuori
“Avevamo preparato la partita sul cambio gioco e sulla superiorità numerica sulle fasce. Sono movimenti che perfezionaremo con tempo. Ci dobbiamo ancora un po’ conoscrere ma ogni giorno l’intesa fa passi avanti”.

Cosa vi siete detti nel dopo partita?
“A caldo non abbiamo parlato perché si rischia di dire cose sbagliate in quei frangenti. Tra di noi comunque è emerso il fatto che potevamo portare punti a casa e siamo stati anche un po’ sfortunati. Rimane la consapevolezza di poter fare molto di più, sabato potremo raggiungere subito un risultato con una grande partita. Penso che avremo una reazione, ma già da oggi dobbiamo lavorare per regalarci la prima vittoria. A noi e ai tifosi”.

Mister Marino ha parlato di un approccio timido
“Siamo partiti troppo lenti, volevamo sfruttare le ripartenza e ci eravamo quasi riusciti in quell’occasione di Okereke che era a tu per tu con il portiere. Poi abbiamo dovuto cambiare il nostro tipo di gioco dopo il gol, ma non abbiamo realizzato il nostro gioco. Certo che se fossimo andati in vantaggio poteva incominciare un’altra partita”.

Galabinov è un tipo di giocatore che potete servire in tanti modi.
“Galabinov è un giocatore forte, me lo diceva mio fratello che ci ha giocato assieme a Genova. Siamo passato da Okereke che ha certe caratteristiche a lui che ne ha altre. Dobbiamo ancora capire quali movimenti lo fanno rendere al massimo. Un’intesa che migliorerà nel tempo”.

Come vivete la competizione in mezzo al campo?
“Avere tanti giocatori abili aumenta la competitività e quindi anche le prestazioni. Siamo sereni che potremo fare grandi passi avanti tutti e che potremo aiutare la squadra”.

Tra primo e secondo tempo cosa vi siete detti?
“All’interno degli spogliatoi ci siamo detti che dovevamo andare a prenderli un po’ più alti. La palla l’abbiamo tenuta sempre noi, ma non siamo stati abbastanza cattivi nel riprendere il risultato”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News