Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Domenica 20 Agosto - ore 11.29

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

"Oggi direi no al Genoa, lo Spezia è nel mio cuore"

Andrea Mandorlini pronto a rimettersi in gioco. "Una porta aperta alla maglia bianca? Sempre. Capisco il rammarico per i play-off, ma credo che il risultato rispecchi i valori. Nelle partite secche conta molto la fortuna".

`Oggi direi no al Genoa, lo Spezia è nel mio cuore`

La Spezia - C'è un Liguria dolce e c'è una Liguria amara nella storia di Andrea Mandorlini. C'è quella degli anni di Spezia, così lontani e così vicini, degli invincibili e del calcio spettacolo in serie C che ne facevano l'astro nascente tra gli allenatori della sua generazione. C'è quella recente delle poche giornate alla guida del Genoa, neanche il modo di iniziare a portare un po' del proprio calcio che il tempo era già finito. "Ero stanco di stare fermo, ho pensato poco. Appena arrivato ho trovato un ambiente un po' ostile. Certo, oggi guardo la classifica e penso che quei quattro punti che abbiamo portato a casa potranno comunque essere importanti per la salvezza e mi rincuoro un po'. Si impara da ogni esperienza, ma se potessi tornare indietro forse questa volta direi di no".

Ha avuto modo di vedere lo Spezia? Quindici anni dopo la fatal Trieste, i play-off sono ancora indigesti
"Ho visto la partita contro il Benevento in televisione. Lo Spezia ha dato quello che aveva, alla fine il risultato mi sembra rispecchi i valori visti in campo. E' chiaro ci sia un po' di rammarico, ma la squadra ha fatto una rincorsa lunga e durante l'anno non è mai riuscita a entrare tra le prime quattro".

E' mancato l'attacco, un aspetto che nelle partite secche conta ancora più che nelle 42 giornate
"I numeri dicono questo: la migliore difesa del campionato e un attacco meno decisivo. Si è distinto bene Granoche, conosco Nenè perché l'ho avuto a Verona e so che è stato fuori per infortunio. Allo stesso modo arrivare ai play-off senza Piccolo è un handicap. Al di là dei gol bisogna essere sempre un po' fatalisti negli spareggi. E la fortuna conta, perché in certi momenti cruciali poter contare su tutti i migliori fa la differenza".

Subentrando in corsa a Verona aveva creato un ciclo pieno di soddisfazioni. A Genova non è andata così.
"Ma a Verona almeno sei o sette partite per rendersi conto di come impostare il lavoro le avevo avute a disposizione. Al Genoa ho trovato subito una situazione difficile. Non è andata come pensavo e me ne dispiaccio. Posso dire però di aver dato tutto quello che avevo ma c'erano troppe componenti contrarie. Alla fine ci sono situazioni in cui neanche dare il tuo massimo basta a far girare le cose nel modo giusto".

Il suo vecchio capitano allo Spezia, Roberto Bordin, ha deciso invece per un'esperienza importante a est. Sempre da allenatore.
"Io e Roberto eravamo fermi, lui aveva questa opportunità offerta dallo stesso procuratore del triplete in Romania. Ha scelto un'avventura interessante, poi non so quale sarà il suo futuro. Lui aveva voglia di lavorare e di aprire i propri orizzonti".

Adesso aspetta una chiamata dalla serie A o accetterebbe anche la serie B?
"Se si intende Spezia, per me è sempre una cosa importante. Ho vissuto tre anni magnifici, annate di grande lavoro e di grande entusiasmo. La Spezia e lo Spezia sono sempre nel mio cuore. Quello che sarà non lo so, ma credo sia importante mettersi in gioco quando si è nel mondo del calcio. Io mi sono messo in gioco sempre, anche dopo aver vinto".

Insomma, c'è sempre una porta aperta alla maglia bianca?
"Più che una porta. Ho ancora tantissimi amici in città, ho legato tanto del mio passato a quell'esperienza. Non è solo una questione di importanza della piazza e del club, ma di cuore".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure