Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 18 Giugno - ore 10.04

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

"Niente Picco il prossimo anno", ma sindaco e club smentiscono l'allarme

A poche ore dalla splendida vittoria contro la Salernitana, su Facebook c'è fibrillazione. Peracchini: "Non c'è alcun rischio". De Mastri: "Già avuta la visita della commissione impianti Figc".

un'uscita tafazziana
"Niente Picco il prossimo anno", ma sindaco e club smentiscono l'allarme

La Spezia - L'allarme corre sui social. C'è chi non ha dormito la scorsa notte a causa dell'adrenalina lasciata in circolo dal gol di Capradossi al minuto 94 di Spezia-Salernitana. Magari è rimasto tutta la notte con la testa al "Picco", a rivedersi in loop quei secondi di gioia pura che hanno coronato una rimonta spettacolare. Per loro c'era chi aveva in serbo un brutto risveglio. Un post sul gruppo Il nuovo stadio dello Spezia che iniziava minacciosamente con un "A rovinarvi parzialmente la gioia del gol al 95esimo ci pensiamo noi...".
Solitamente molto attento alla questione degli impianti per il calcio e stimolo nel dibattito in merito al presente e al futuro del centenario manufatto spezzino, la pagina social questa mattina di buon'ora si è fatta portatrice di cattive novelle: "Sembra non ci siano i circa 100mila euro dell’intervento (per l'allargamento del campo, ndr) e il grossissimo rischio è che il Picco, unico terreno di gioco largo 65 metri tra serie A e serie B, ormai considerato fuori norma non permetta più lo svolgimento delle partite dello Spezia", citando "fonti interne alla società".

Apriti cielo. Nel messaggio è taggato direttamente il sindaco Pierluigi Peracchini che risponde stizzito qualche ora dopo: "Sarebbe importante che chi scrive certe cose si firmasse! E magari si informasse prima di scrivere!". Poi arriverà una nota direttamente dall'ufficio del primo cittadino: "Voglio rassicurare i tifosi dello Spezia calcio: non roviniamo la gioia del gol al 95esimo contro la Salernitana basandoci su voci totalmente infondate. Per la prossima stagione 2019/2020 lo Spezia non corre alcun rischio, perché la deroga per il campo da gioco verrà reiterata e confermata in automatico a causa dei vincoli infrastrutturali, come confermato dallo stesso Spezia Calcio. Nelle prossime settimane ho in agenda una riunione con lo Spezia calcio e gli uffici tecnici del Comune per vagliare le varie ipotesi di intervento sullo Stadio Alberto Picco per la stagione 2020/2021. Ricordo inoltre che tutti gli interventi minori per la prossima stagione non solo sono già stati programmati ma in gran parte effettuati, e che entro settembre saranno completati”.

Ad entrare maggiormente nel dettaglio ci pensa l'architetto Nicola De Mastri, che fa parte del consiglio di amministrazione dello Spezia Calcio. "Per il prossimo campionato non c'è alcun problema, tanto che abbiamo anche già ospitato la visita di Carlo Longhi", dice il professionista. Longhi, ex arbitro, è parte della Commissione impianti sportivi della Figc. Il suo parere ha un peso notevole in federazione. E' il suo sopralluogo al "Marulla" che ha portato, per intenderci, allo 0-3 a tavolino a favore del Verona nella partita di Cosenza di inizio stagione. "Dobbiamo completare la posa dei seggiolini - continua De Mastri - opera per cui siamo peraltro in anticipo visto che è già finita la Curva Ferrovia. Passeremo alla Curva Piscina in estate come da programma".
Partirà poi la solita lettera alla Figc per chiedere la deroga. "Stiamo già programmando gli interventi per il 2020/21, studiando come società le priorità e parlando con il Comune della Spezia - continua l'architetto - Il sindaco è particolarmente sensibile al tema. E' un'uscita che in questo momento serve solo a non godersi la vittoria contro la Salernitana e la classifica. Va bene sensibilizzare su questo argomento, ma fare confusione è solo deleterio. Date credito a chi lavora costantemente per il futuro del Picco", rassicura De Mastri.

In caso di serie B c'è dunque la ragionevole certezza, sia da parte del club che di Palazzo Civico, che non ci sarà bisogno di andare a trovare quei fatidici tre metri in più di larghezza nel campo già quest'estate. Il futuro pare in ogni caso segnato, tanto che il Comune avrebbe già in mano un progetto di massima che prevede anche l'abbattimento delle barriere architettoniche nel settore distinti e in tribuna, con spostamento delle panchine. Chi dovrebbe pagare l'opera? Essendo lavori straordinari, la proprietà dell'impianto ovvero lo stesso Comune della Spezia. Ma sarà questione da riprendere con tutta probabilità solo nel 2020. A meno che Marino e i suoi ragazzi non facciano un miracolo sportivo nei prossimi due mesi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia































La Piazza Sospesa sorgerà tra Via Diaz e il lungomare: vi piace il progetto?











Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News