Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 20 Novembre - ore 17.36

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

"La nostra ossessione sarà l'entusiasmo, non la A"

Con Andrissi e Gallo si cerca una svolta comunicativa e sostanziale dell'era Volpi. Chisoli: "Vogliamo appartenenza e motivazioni. Saremo competitivi e daremo sempre tutto". Gallo. "Obiettivo salvezza. Scetticismo? Questa piazza ci supporterà, lo so"

`La nostra ossessione sarà l´entusiasmo, non la A`

La Spezia - Entusiasmo, giovani, salvezza, ambizione, appartenenza. Non c'è una parola che vada sprecata nella conferenza stampa di presentazione di Fabio Gallo e Gianluca Andrissi. Poche frasi di circostanza questa volta, tanta sostanza e tante novità che arrivano innanzitutto dal lessico. Lo Spezia inaugura un nuovo corso, cerca di leggere in anticipo una serie B che oggi si trova in mezzo al guado dal punto di vista delle finanze e lancia una nuova storia. E' quasi una mossa da Scuderia Ferrari, che ha lavorato in anticipo sulla previsione delle nuove regole della Formula 1 per colmare il gap dai team che correvano di più e si trova oggi a comandare il mondiale.

Dato non secondario: il manifesto viene enunciato a braccio da Stefano Chisoli, che parla da vero presidente questa volta dopo aver passato qualche mese a prendere le misure dell'abito da vertice del club che gli hanno messo addosso in inverno. “Progetto fondato sulla valorizzazione dei nostri giovani: lo so, è una un po' abusata recentemente nel calcio italiano. Ma per lo Spezia è appropriata, perché il nostro settore giovanile è un fiore all'occhiello e perché ci permette di parlare di un altro aspetto: il senso di appartenenza. Appartenenza alla società, al territorio, alla città. Abbiamo trovato due persone molto preparate, serie, competenti, che hanno già lavorato insieme a Como e che hanno accettato con entusiasmo questa sfida”.


I colloqui sono andati oltre le aspettative. Nessun tentennamento, unità di vedute. E' questo il vero inizio, che muove lontano dalle macchine fotografiche e dai microfoni. “Le motivazioni nello sport sono fondamentali – sottolinea Chisoli – Questo il primo compito, ritrovare e restituire alla piazza l'entusiasmo. Vinceremo e perderemo, ma vogliamo dare tutto sempre”. Il rifierimento è chiaro. Ai piani alti del Ferdeghini certe prestazioni nei momenti topici della scorsa stagione non sono piaciute. Sono state la spinta a scompaginare le carte, a puntare su uno Spezia che rinuncia allla tenzone con il fioretto e scende in pedana con la spada bastarda. Brutto forse no, perché c'è voglia di fare un calcio che diverta, ma “sporco e cattivo” magari sì, chiedendo permesso a Ettore Scola. “Allestiremo un quadra competitiva, ma non abbiamo l'ossessione della serie A. Cerchiamo di poter dire la nostra, ma soprattuto di far divertire la nostra gente. L'obiettivo di partenza è confermare la presenza in serie B. Tutto ciò che arriva di più.. meglio”.


E' questo il punto focale. Finalmente c'è il coraggio di parlare di salvezza, di 50 punti da raggiunere il prima possibile per poi pensare, magari, al resto. Come hanno fatto Carpi, Crotone, Frosinone, Spal e Benevento negli ultimi anni. “Non mi sentirete mai dire qualcosa di più – irrompe Fabio Gallo - L'obiettivo è mantenere la categoria e continuare a far crescere i ragazzi. Step by step affronteremo poi eventuali nuove sfide che ci dirà il campo. Non sbagliamoci: questo non vuol dire non essere ambiziosi. Ma nella comunicazione deve esserci correttezza e idee chiare e condivise. Nel momento in cui si rispetta ciò che si dice non ci possono essere fraintendimenti”.

Il messaggio è chiaro, il compito difficile. Abbassare l'asticella e alzare l'entusiasmo, per farlo non ci sono bacchette magiche. La piazza è abituata da cinque stagioni a sentire parlare di serie A, e un certo contraccolpo può essere fisiologico. “Io conosco solo il lavoro per battere lo scetticismo. E' legittimo che ci sia dopotutto, ma io so quello che voglio e so dove voglio arrivare. Per raggiungere il traguardo che ho in testa bisogna solo rimboccarsi le maniche. Ogni dubbio espresso in maniera corretta può essere produttivo. Dico che la squadra è da sostenere, ma è un di più. Io questa piazza l'ho conosciuta da giocatore in momenti difficili e poi da spettatore negli anni in cui allenavo la primavera. Non ho dubbi sul fatto che il supporto non mancherà mai, l'amore qua non è mai stato un accessorio e da quello partiremo".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure