Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 24 Ottobre - ore 09.01

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

"L'attacco potrebbe cambiare, ma i gol li fa la squadra"

Fabio Gallo chiude gli allenamenti e lancia Saloni. "Tecnicamente pronto. Ho visto meglio Marilungo, Juande non è ancora pronto. Gilardino deve trovare la forma migliore, non lo rischio".

`L´attacco potrebbe cambiare, ma i gol li fa la squadra`

La Spezia - L'attacco meno prolifico contro una difesa piuttosto “larga”. Ternana-Spezia potrebbe riservare sorprese, anche negli undici iniziali. Fabio Gallo ritrova i nazionali e medita di cambiare la fisionomia dell’attacco, ma per non lasciar trapelare nulla blinda per tre giorni di seguito gli allenamenti.

Cosa le è piaciuto della partita di Cesena e cosa si aspetta da Terni?
“Purtroppo la prestazione non è bastata per fare punti. Serve qualcosa di più per portare a casa quei risultati che sarebbero stati meritati. Abbiamo avuto poca attenzione nello sfruttare le occasioni che abbiamo avuto su palle inattive, anche quelle che abbiamo avuto contro. Sono situazioni in cui non si può essere leggeri. Ogni pallone può essere quello determinante e così è successo”.

Situazione infortunati: a che punto siamo?
“Juande si è allenato ma non ha ancora una condizione tale da pensare di portarlo con noi. Rimane qui a lavorare, così Giorgi che da lunedì riavremo con noi. Di Gennaro migliora, Bassi lo salutiamo per un po’”.

Esordio per Saloni, che settimana è stata per lui?
“Lo conosco molto bene perché l’ho avuto due anni. Sotto l’aspetto tecnico non ho dubbi su di lui, so che si farà trovare pronto. Dobbiamo gestire l’aspetto emozionale dell’esordio in serie B, ma è pronto. Abbiamo scelto di tenerlo come terzo portiere perché avevamo fiducia in lui, non cambiamo idea. Non ho neanche bisogno di dirgli qualcosa di particolare”.

Il resto del reparto dovrà dargli una mano...
“Anche a Bassi e Di Gennaro (ride, ndr). Ha bisogno di sentire la fiducia del gruppo, il nostro è un gruppo intelligente che lo ha spronato in settimana. Arriviamo sereni. Ho delle preoccupazioni ma Saloni non è tra quelle”.

Gilardino dall’inizio è una possibilità?
“No, deve ancora lavorare. Gli ho dato venti minuti sabato perché per come si era messa la partita volevo tre giocatori di struttura nella loro area. Però deve ancora mettere su una condizione accettabile”.

Masi torna da ex, ha una chance in più di giocare?
“Come gli altri. Sta lavorando da un po’ di tempo con la squadra. Difensivamente però stiamo facendo molto bene e non cambio per cambiare. Non ha senso. Quando un reparto trova un assetto e dei meccanismi non è semplice cambiare. Questa è la mia idea. Lo ho visto anche da calciatore, quando hai delle certezze devi seguirli. Non vuol dire che non possa esordire presto, non guardo al discorso ex o non ex”.

Capitolo attacco: perché si segna così poco?
“L’ho detto sabato, noi fino ai 75 metri arriviamo fluidi. In questo momento a mio avviso ci manca l’imbucata per l’attaccante. Non do la responsabilità ali attaccanti assolvendo gli altri. Ci vuole un’intuizione da parte dei compagni, perché i nostri attaccanti i gol li hanno sempre fatti. In questo senso è un problema di spensieratezza nel voler cercare l’ultimo passaggio. Poi ci sono momenti più positivi e meno positivi, ma non ho attaccanti di primo pelo a parte Okereke e Soleri. Tutti sanno che farsi menate non ha senso”.

Soleri scalpita, potrebbe giocare dal primo minuto?
“Conosciamo ormai i nostri giocatori sono tutti utili alla nostra causa. Sto valutando la possibilità di cambiare la coppia di attaccanti, ma non ho detto che succederà. Anche perché, ripeto, non è colpa di chi gioca lì davanti se abbiamo problemi a giocare”.

Pessina con la nazionale per 12 giorni per poi fare 15 minuti di amichevole contro il Marocco. Cosa le fa pensare?
“Mi fa pensare che ho letto tante cose, per esempio che, partendo dalla nazionale A e fino all’under 21, i ragazzi giocano poco. Pessina ha sempre giocato con noi... è un lustro avere un giocatore nell’under 21 ma ci sono anche degli impegni nel fine settimana importanti, per giocatori che sono a loro volta importanti per i club. Quindici giorni di convocazione non li trovo molto logici. Preferirei tornassero alle proprie squadre e se poi gli allenatori decidono di non farli giocare, ritornano in nazionale. Lavorare per un’amichvevole ha un appeal diverso e ti fa andare a un velocità diversa. A noi Pessina è mancato chiaramente, soprattutto nella settimana in cui ho avuto parecchi problemi”.

Marilungo è sembrato non in grande spolvero, è arrivato il momento di riposare?
“Marilungo ha sofferto di non aver fatto la preparazione e aver giocato subito molto. Paga il carico di lavoro fatto in queste settimane. Questa settimana l’ho rivisto pimpante, spero che il momento di appannamento sia passato. Credo che possa spostare l’equilibrio in serie B e quindi prima di privarmene ci penserò bene”.

Che Ternana si aspetta?
“Attaccano molto con tanti giocatori ma concedono anche molto. Noi dovremo essere concentrati in difesa e bravi nel variare la velocità: in attacco dobbiamo essere più pazienti nel trovare il passaggio giusto per diventare davvero incisivi”.

Vignali: grande fisicità ma i cross non arrivano...
“E’ un generoso, inizia a 100 all’ora e finisce a 120 all’ora. Questo magari gli fa mancare la lucidità in certi frangenti, ma questo è parte della crescita dei giovani. Quando si tratta di fare delle scelte non hanno ancora la malizia che serve. Maggiore ha più presenze di tutti tra i 1998 tra A e B, ma rimane sempre un 98. Non dimentichiamo mai che sono ragazzi”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure