Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 29 Settembre - ore 22.15

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

"Ilaria vi guarda da lassù e grida: forza ragazzi!"

La madre di "Ila" alla vigilia della sfida più importante nella storia dello Spezia: "A nove anni andava a vedere gli allenamenti con il papà, poi non ha mai perso nemmeno una partita".

Ci scrive mamma Tina
"Ilaria vi guarda da lassù e grida: forza ragazzi!"

La Spezia - Sono passati dodici anni dalla prematura scomparsa di Ilaria Franchetti, tifosa dello Spezia il cui nome e ricordo hanno continuato ad essere presenti al Picco e in ogni stadio d'Italia in cui sono scesi in campo gli aquilotti in tutto questo tempo.
“Ila” infatti se ne andò poco dopo la retrocessione e il fallimento del 2008 dopo aver seguito ovunque le maglie bianche, anche nei momenti più delicati della malattia che la costringeva a portare con sé oltre all'inseparabile sciarpa anche le bombole di ossigeno. Anche a Crotone un anno prima, dove i ragazzi di Soda conquistarono una vittoria fondamentale verso i play-out salvezza poi vinti contro il Verona.
Oggi, alla vigilia della partita più importante della storia del club, sua madre Tina Mulazzo – sempre rimasta legatissima alle Curve Pericolose – ci scrive per ricordare la passione di Ilaria (nella foto bambina insieme a Luciano Spalletti) e per rivolgere un incoraggiamento a tutto l'ambiente, giocatori in primis.

“L'amore per la propria squadra nasce spontaneamente fin dalla più tenera età – scrive Tina – così Ilaria, accompagnata da suo papà Franco, seguiva a 9 anni anche gli allenamenti dello Spezia al sussidiario del Picco. Poi, più grande, con Mattia al Ferdeghini. Non ha mai perso una partita nemmeno in trasferta insieme agli amici della Curva Ferrovia. Neppure quando si è ammalata e allo stadio doveva andare con le bombole, a Spezia come a Crotone o Pescara. Ha sempre incitato lo Spezia anche da lassù – aggiunte la mamma – ed è sempre stata allo stadio accanto alla voce dello speaker per leggere con lui la formazione in campo. Ora è sulla sua nuvoletta e vi guarda urlando: Forza ragazzi e grazie per questo bel sogno, comunque vada!”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News