Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 24 Luglio - ore 18.32

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

"Il nostro momento d'oro saranno i prossimi mesi"

Djokovic sui due punti persi a Brescia. "Dovevamo chiuderla, loro hanno pareggiato su uno dei pochi tiri. Il gol di Granoche? Non era facile vederlo, serve la tecnologia per evitare questi errori".

`Il nostro momento d´oro saranno i prossimi mesi`

La Spezia - La trasferta rimane un tasto dolente per lo Spezia targato 2016/17. Tante le occasioni create anche al "Rigamonti" di Brescia, l'assurda rete negata a Granoche con la palla mezzo metro oltre la linea e poi il pareggio beffa di Mauri. Gli aquilotti rimandano l'appuntamento con i tre punti fuori casa, ma il tempo corre e nel prossimo mese molte delle chance play-off passeranno attraverso una serie di scontri diretti. Lo sa anche Damian Djokovic, arrivato a gennaio a e da subito punto fermo della squadra di Mimmo Di Carlo.

Che partita è stata a Brescia?
"Abbiamo fatto un ottimo primo tempo direi, sotto l'aspetto tattico e dell'intensità. Abbiamo sbagliato poco, ma potevamo segnare più di una volta. Nella ripresa fino al gol non dato ci siamo comportati bene, poi il Brescia ha preso coraggio. Hanno cominciato a giocare più in avanti e hanno trovato un gol nell'unica vera occasione che hanno creato. Poi un paio di tiri, ma non ci hanno messo in grande difficoltà. Dovevamo chiuderla, ci prendiamo questo punto e andiamo avanti".

Diversi i gol sbagliati anche al Rigamonti...
"Io, Vignali e Valentini abbiamo avuto grandi occasioni. Nel mio caso la vedevo già dentro e forse ho peccato in questo senso. Ci è mancata un po' di cattiveria davanti all porta. Ma lì davanti ci arriviamo sempre con giocate studiate in settimana. E' la strada giusta, che può portarci a prenderci le nostre soddisfazioni".

L'episodio del gol di Granoche è davvero clamoroso. Possibile che nel 2016 accadano ancora cose del genere?
" Che sia il 2016 o il 1990 non era facile da vedere. Anche gli arbitri sbagliano, sono uomini. L'unica cosa che può cambiare è la tecnologia, quando sarà a disposizione di tutti episodi come questi non ci saranno più. Fino ad allora... dovremo metterla in fondo alla rete per essere sicuri che il gol venga convalidato. Bisogna 'spaccare la porta' come si suol dire".

Ancora una volta per voi un calo nei finali dei tempi
"Riusciamo a mettere grande pressione, siamo svegli tatticamente e facciamo cose importanti a livello tecnico. Ci sta che anche gli avversari abbiano le loro occasioni. Ci tocca migliorare negli ultimi quindici minuti perché anche contro l'Avellino e il Trapani abbiamo sofferto in quel frangente. Nel resto della partita eravamo sul pezzo, non siamo andati in difficoltà".

A che punto siete con i progressi fisici?
"Siamo cresciuto come gruppo, ai nuovi serve sempre un po' di tempo per migliorarsi. Ci sono stati passi avanti sia dal punto di vista fisico che tattico. Io e Fabbrini venivamo dal calcio estero e bisogna sempre abituarsi di nuovo. L'unica cosa che ci manca è chiudere le partite prima. Ma vedo una squadra forte con grandi qualità e giocatori di serie A o alta serie B".

Il quarto posto secondo lei è ancora alla portata?
"Tutto è possibile. E' un campionato in cui le cinque dietro le prime tre sono tutte di livello simile. Ora vedremo quanto valiamo con i prossimi scontri. Visto che la classifica è sempre corta, giochiamo fino alla fine anche per il quarto posto. Tutti hanno momenti più positivi e più negativi. Noi dobbiamo ancora avere il nostro momento d'oro e speriamo possa arrivare nei prossimi due mesi".

Arrivano gli scontri diretti: è un vantaggio per voi giocare contro squadre che non necessariamente si chiuderanno in difesa?
"Per noi può essere una cosa positiva, non troveremo squadre troppo chiuse che cercano la fortuna con la palla lunga. Dovremmo trovare un po' più di qualità e su quello ce la giocheremo".

Sabato un'altra trasferta non facile.
"Andiamo consapevoli che siamo forti e che possiamo prendere i tre punti".

Lei è arrivato a gennaio e da subito è diventato un titolare fisso.
"Posso solo ringraziare lo staff tecnico, il club e i compagni. Mi hanno tutti accolto molto bene, posso lavorare tranquillo e giocare come mi piace fare. Sto ancora crescendo e sono contento della mia scelta".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure