Città della Spezia Liguria News Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 20 Febbraio - ore 22.10

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

"Faremo più operazioni in uscita che in entrata"

"Chi vorrà andare a giocare sarà accontentato" dice il diesse Andrissi. "Monitoriamo il mercato per farci trovare pronti. Registi? Torna Juande, siamo coperti. Aspetto che il club mi indichi il budget".

"Faremo più operazioni in uscita che in entrata"

La Spezia - Messo ko dall'influenza proprio sotto Natale, ha ancora qualche giorno di relativo relax prima di mettersi nuovamente al lavoro. Poi ci si aspetta che completi l'opera iniziata in estate e che negli ultimi due mesi ha dato i frutti sperati. La rosa costruita da Gianluca Andrissi ha dimostrato di avere qualità per stare nella parte sinistra del tabellone della serie B, trovando il plauso di Gabriele Volpi che non ha mai mancato di dare indicazioni evidenti sul gradimento per questo o quel dirigente nel periodo delle festività. Il diesse potrà lavorare in tranquillità anche a gennaio, senza budget stratosferici ma anche senza l'assillo di dover comprare.

Quasi dispiace interrompere questo momento della squadra. Senza quel gol annullato per un fuorigioco inesistente a Cremona sarebbero dieci risultati utili consecutivi.
“La crescita è stata esponenziale. Ieri una gara un po' strana, in undici contro undici lo Spezia mi è piaciuto. Poi forse la superiorità numerica ci ha dato meno benefici di quanto potevamo aspettarci. In inferiorità sei più agonista di prima e noi non siamo riusciti a bucare l'avversario. Vincere sarebbe stato il massimo, ma al Tardini un punto è sempre un buon risultato”.

Si è rivisto Luigi Giorgi dopo tante settimane. E' un elemento che da gennaio vi aspettate possa giocarsi una maglia ogni settimana a centrocampo?
“Credo che dovranno essere bravi i ragazzi a farsi trovare pronti. C'è una buona rosa, siamo abbastanza coperti su tutti ruoli. Sarà dura per tutti trovare spazio, il mister pensa solo al bene della squadra e tutti se la giocano. C'è ampia scelta".

Se guarda alle sue spalle, qual è stata la chiave per questa rincorsa verso la zona play-off?
“La cosa che mi ha soddisfatto di più è stato creare delle dinamiche di lavoro positive all'interno della società e di conseguenza sul campo. Per un diesse è importante creare un ambiente fertile e credo che la vera svolta sia stata proprio quella, tessere buoni rapporti con tutti. Oggi c'è una società 'orizzontaleì, molto unita e si vede anche in campo. Siamo rimasti uniti nei momenti più difficili, lo siamo ora che le cose vanno meglio. Ma rimaniamo con i piedi ben piantati in terra. Fino alla salvezza non siamo tranquilli, sereni sì ma soprattutto concentrati".

Gabriele Volpi ha avuto parole di stima per lei e per il progetto che avete messo in piedi.
“Le parole del patron chiaramente ci fanno e mi fanno un enorme piacere. C'è coesione con l'ad Micheli e il presidente Chisoli, così come con le altre componenti. Vedere che tutto è organizzato è una cosa che fa molto piacere. Vero anche che quando ci sono i risultati c'è tutto. Sapevamo che l'inizio sarebbe stato duro, ce lo aspettavamo. Le idee di budget erano diverse da prima, ma il patron ha avuto ragione nel voler spendere meglio".

A proposito, anche a gennaio i parametri di spesa rimarranno gli stessi?
“Mi dirà la società quali sono i parametri precisi. Contiamo che Volpi ci ha portato Gilardino che è un bel regalo per noi. Sappiamo che da questo punto di vista il patron sa andare anche oltre i paletti se lo ritiene funzionale".

Tre portieri e tre posti in lista A occupati. Una cessione in vista oppure uno ogni sabato andrà in tribuna?
“Potrebbe essere così. Vediamo quello che faremo dal punto di vista del mercato. Anche questa quella di un turnover è una soluzione. Abbiamo avuto una grande sfortuna in questo girone d'andata che è la mano rotta di Bassi. E' raro vedere un terzo portiere che fa quattro gare tra A e B. Un bene per Saloni, ma una situazione da gestire per noi”.

A proposito di centrocampo, è quello il reparto in cui siete alla ricerca di un elemento. Cercate un regista o un'altra mezzala?
“Juande rientrerà a pieno titolo con noi, lui è un vero e proprio play e ha caratteristiche diverse rispetto a Bolzoni. Abbiamo in rosa due interpreti per quel ruolo”.

Ceccaroni, Okereke, Saloni, Calabresi e Soleri sono i giovani che hanno giocato di meno in questo girone d'andata. Qualcuno partirà?
"Abbiamo sempre detto che daremo la possibilità a chi ha giocato meno di trovare spazio. Parleremo con i diretti interessati, credo che faremo meno entrate rispetto alle uscite. Ma tutto dipende dal volere del calciatore, degli agenti e delle società che detengono il cartellino. Mi sembra giusto dare la possibilità di giocare a chi ha trovato meno spazio ma ha dimostrato qualità".

Calabresi in questo senso è stato il più sacrificato.
“Un gruppo rinnovato ci ha messo tempo per trovare un'intesa al suo interno. L'allenatore ha dovuto faticare, poi ha cambiato il sistema di gioco e a quel punto sono stati penalizzati proprio i difensori. Le ultime dieci gare evidenziano una svolta vera e propria sia nelle prestazioni che nei risultati, che secondo me vanno tutti di pari passo".

Dei ragazzi in prestito in serie C siete soddisfatti? Ci saranno movimenti?
“Bastoni, Gyasi e Crocchianti giocano con continuità. Proia ha gioca le ultime partite, vediamo quali saranno le scelte del Bassano e del ragazzo stesso. Pagnini ha la stima della Lucchese anche se non viene utilizzato. Awua potrebbe trovare una collocazione diversa, alla Juve Stabia ha trovato poco spazio”.

Capitolo rinnovi: saltano all'occhio le posizioni di Juande e Ceccaroni che scadranno a giugno
“Con i giovani parliamo, abbiamo già fatto diversi incontri e ne faremo prossimamente. Per quanto riguarda gli altri, per ora non abbiamo ancora fatto nessuna valutazione. Direi che prima di marzo è prematuro".

Il mercato inizia il 3 gennaio, cosa farà lo Spezia?
"Le cessioni saranno maggiori delle entrate, questo è sicuro. Non sarà una rivoluzione. Tre o quattro elementi potrebbero partire, vedremo. Adesso è un momento freddino, in cui ci sono tante situazioni che potrebbero evolversi e noi cercheremo di farci trovare pronti. Vogliamo portare avanti questo gruppo nel tempo, sono convinto che gran parte di questi giocatori saranno il telaio del futuro con l'idea di partire con una base diversa il prossimo anno. Ora è prematuro parlarne in ogni caso”.

Quindi l'idea è di trovare giocatori che possano legarsi per più stagioni?
“Non è facile, sarebbe il top. Il massimo è trovare giocatori che calzino per tanti motivi: sistema di gioco, carattere, qualità e che possano diventare giocatori di proprietà nel futuro. Saranno di certo giocatori funzionali al nostro modo di stare in campo, se poi ci sarà modo di portarli alla Spezia a lungo anche meglio".

C'era una frangia di tifosi molto scettica in estate. Pensate di averli fatti salire sul vostro carro?
"Non da tutti era stata ben digerita la politica estiva. Però intanto ringraziamo quelli che ci sono sempre stati, questa è una città in cui l'amore nei confronti della squadra si percepisce sempre. Speriamo che siano sempre più numerosi, ma avere una media da 5mila tifosi non è da sottovalutare. Continuiamo con umiltà a lavorare per moltiplicare le energie positive".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia










I SONDAGGI DI CDS

Matteo Salvini ha proposto la reintroduzione della leva obbligatoria per i giovani maschi. Tu che ne pensi?
































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News