Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 20 Giugno - ore 10.04

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

"Costretti a giocarcela? Ce la siamo sempre giocata"

Il tecnico dello Spezia, protagonista dello speciale di B-Magazine, si racconta. "Il 4-3-3 occupa meglio il campo, lavoriamo sempre sugli avversari in settimana. Il risultato è conseguenza della prestazione. I giovani? Con me sono sempre migliorati".

prendere appunti
"Costretti a giocarcela? Ce la siamo sempre giocata"

La Spezia - Il Marino-pensiero è protagonista del mensile della Lega B di aprile. Tre pagine di intervista per il tecnico dello Spezia, tra quelli di maggiore esperienza in cadetteria e tra i pochissimi ad aver anche allenato in serie A e nelle coppe europee. Il maestro di Marsala racconta della stagione e del suo modo di intendere il calcio. "Direi che fino ad ora possiamo essere abbastanza soddisfatti. Purtroppo abbiamo avuto una flessione tra fine febbraio e inizio marzo, ma abbiamo reagito andando a vincere sul campo del Benevento, una squadra che ha un’ottima rosa. Stiamo facendo di tutto per conquistarci una posizione tra le prime otto", si legge sul magazine digitale.

Il 4-3-3. "E' il sistema di gioco che, a mio modo di vedere, permette di occupare meglio gli spazi. Quando ho iniziato ad allenare e, fino a un certo punto della mia prima stagione a Catania, quella della promozione dalla B alla A, ho utilizzato il 3-4-3 che è più offensivo. Poi ho cambiato. In settimana lavoriamo parecchio contro il sistema di gioco che andiamo ad affrontare in partita. Mi spiego: io e i miei collaboratori vediamo le partite degli avversari, appuntiamo i movimenti di squadra e poi, contro undici giocatori schierati, andiamo sul campo e facciano a vedere quali movimenti fare, dove ci sono spazi per creare la superiorità numerica o per smarcarsi".

I giovani. "Ho sempre pensato che il risultato fosse la logica conseguenza della prestazione, se giochi bene, se hai un’identità spiccata, la squadra può anche perdere, ma la partita successiva la vince. Soprattutto i calciatori, giocando la palla, migliorano le proprie qualità, si assumo delle responsabilità e a fine stagione hanno un valore superiore. Non voglio autocelebrarmi, perché ho fatto il mio lavoro… però con me ci sono ragazzi che sono migliorati e altri che hanno esordito in Nazionale, nelle nazionali dei loro Paesi natali. Alle mie squadre ho sempre chiesto di giocare, pure in A».

I play-off. "Chi arriva, sesto, settimo o ottavo può affrontare i play-off con uno spirito diverso, con una certa leggerezza. E’ costretto a giocarsela sempre, non ha il vantaggio di potersi accontentare del pareggio, per avanzare deve vincere. Io dico che tante volte, l’avere a disposizione due risultati su tre può snaturare la squadra. Se per tutta la stagione hai provato a fare la partita, se la squadra si è assunta dei rischi per vincere, sapendo che con il pareggio può passare il turno, inconsciamente gioca con il freno a mano tirato, si accontenta… ma la beffa è dietro l’angolo. Quindi, se dovessimo qualificarci ci comporteremo come abbiamo fatto durante tutta la stagione. Penseremo solo a giocare, zero calcoli".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia































La Piazza Sospesa sorgerà tra Via Diaz e il lungomare: vi piace il progetto?











Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News