Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 20 Ottobre - ore 21.43

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

“Contro qualsiasi avversario, in ogni stadio, lo Spezia proverà a fare la sua figura”

Italiano sa di partire da vittima sacrificale, ma non parla di obiettivi. “E’ serie A: serve un’altra velocità di pensiero e di esecuzione. Bisognerà adattarsi rapidamente”.

la prima, davvero
“Contro qualsiasi avversario, in ogni stadio, lo Spezia proverà a fare la sua figura”

La Spezia - “Ho seguito tutta la prima giornata di campionato, anche per studiare gli avversari. Ne ho parlato con i ragazzi, invitandoli a tenersi sempre sul pezzo con la testa. Sì, ho visto anche il Crotone. Una delle squadre più forti dello scorso anno in serie B ha iniziato scontrandosi con una categoria che è un altro mondo. L’ho usato come esempio per i ragazzi per mostrargli come da oggi cambia la velocità di pensiero, bisogna adattarsi velocemente, i ritmi sono più alti, l’esecuzione dev’essere rapida. Su questo abbiamo lavorato e su questo non ci faremo trovare impreparati. Basta sbagliare un allenamento in settimana per pagarlo poi in partita”. Vincenzo Italiano al suo secondo esordio in serie A, quello da tecnico che sta bruciando le tappe. A differenza del Crotone, l’unica neopromossa che è già scesa in campo, lui dovrà lavorare con un gruppo ampiamente rinnovato.
“Siamo un cantiere aperto. Stiamo completando la rosa, chi arriva deve avere il tempo per integrarsi e conoscere i compagni. Questo abbisogna di tempo. Andremo incontro a qualche difficoltà, faremo quello che possiamo in questo primo periodo. Però la squadra sta nascendo bene, in ogni ruolo abbiamo trovato i doppioni che cercavamo in modo che ci fosse competizione. Ora questo materiale va assemblato in fretta. Inoltre c’è l’aspetto fisico da tutelare. Alcuni ragazzi non sono a disposizione, altri li vogliamo salvaguardare. Per domenica non ci saranno Marchizza, Mattiello, Mastinu, Acampora e Ismajli”.

L’entusiasmo non manca. “Ci presenteremo per la prima volta su questo palcoscenico, non vediamo l’ora di iniziare. Ci siamo preparati per cercare di essere pronti, vogliamo cercare di salvaguardare ciò che è stato ottenuto solo un mese e mezzo fa. Venderemo sempre cara la pelle, a partire da domenica”. Ancora il Sassuolo tra le prime avversarie stagionali. “Come lo scorso anno in Coppa Italia, il Sassuolo ha il vantaggio di aver lavorato per più tempo tutti assieme. Hanno terminato il campionato alla grandissima, giocano un grande calcio. Iniziamo questa avventura contro una delle squadre più fastidiose. Io credo nel fatto che serva tempo per dare identità e organizzazione alla squadra. Non è un alibi, non voglio cercare scuse. Noi abbiamo lavorato in fretta e lavorato duro, mi auguro già di vedere alcune delle idee che abbiamo impostato”.
L’approccio alla categoria è lo stesso che viveva quando lo Spezia gli diede la possibilità di allenare per la prima volta in serie B. “Non voglio tornare indietro con i ricordi, ma le sensazioni sono le stesse. Anche allora sapevo di avere un gruppo nuovo e di valore. Quando sono arrivato allo Spezia volevo solo creare una squadra che potesse fare bene. Sono gli stessi pensieri che ho oggi: mettere apposto la squadra il prima possibile. Per me sarà la prima panchina in serie A e così per tanti ragazzi sarà l’esordio in massima serie. Dovremo cercare di non dimenticare nulla, di non sottovalutare nessun aspetto. Se non inizi a ragionare in questo modo, questa categoria non ti perdona e ti fa fare brutte figure”.
Non vuole sentire parlare di retrocessione, non vuole sentire parlare di salvezza. “Non parlo di obiettivi. Vogliamo salvaguardare quello che abbiamo conquistato sudando milioni di camice. Contro qualsiasi avversario, in tutti gli stadi d’Italia, contro squadra più forti e blasonate di noi, dobbiamo cercare sempre di fare la nostra figura”.

Andrea Bonatti

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News