Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 26 Marzo - ore 15.49

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

“Continuiamo a guardare solo alle nostre spalle”

Marino lascia fuori dalla porta l’inchiesta sui nigeriani - “A Follo siamo isolati dall’esterno” - e invita a non sottovalutare il Verona. “Un organico da serie A. Noi a volte esageriamo con la sicurezza”.

“Continuiamo a guardare solo alle nostre spalle”

La Spezia - Rallentano le prime della classe, gli aquilotti giocano forse il più bel calcio della serie B, si ricomincia a respirare la primavera nel Golfo dei Poeti e c’è tanta voglia di sostenere la squadra di Marino e Angelozzi. Ma l’inchiesta che ha colpito lo Spezia Calcio in settimana è un macigno sulla piazza, che sperava di poteri godere solo il calcio e si trova invece proiettata nella cronaca giudiziaria. Se quel macigno peserà anche sulle gambe dei calciatori lo si capirà solo al fischio d’inizio di domani sera. Certo, una grande prestazione sul campo cancellerebbe almeno temporaneamente le amarezze di una tifoseria che, come dimostra lo striscione appeso dai tifosi durante la notte in Piazza Europa, non è rimasta indifferente al clamore generato dall’azione della magistratura degli scorsi giorni. “Non c’è da aggiungere niente rispetto a quello che ha detto il direttore Angelozzi in settimana”.

Sfida di alta classifica in una settimana diversa dalle altre.
“Noi ci alleniamo a Follo, siamo isolati da quello che accade all’esterno e non ci manca nulla. Questo atteggiamento privo di assilli ci ha portato a fare buone prestazioni e buoni risultati. A volte esageriamo addirittura a giocare, essere troppo sereni ti porta a volte di rischiare un po’ troppo. Quando usciamo palla al piede dall’area mi sento un po’ male... Ma questa serenità ci fa sicuramente bene”.

L’infermeria si svuota da un lato ma si riempie dall’altro.
“Moralmente stiamo tutti bene, fisicamente Capradossi e De Col non hanno recuperato e ora si è fermato Da Cruz per un problema dell’ultimo minuto. Non saranno della partita. Torna Terzi e torna anche Vignali che ha scontato la squalifica”.

Nei minuti finali di Cittadella l’abbiamo vista piuttosto agitata
“Abbiamo commesso sicuramente qualche errore. Siamo stati un po’ superficiali e sarebbe stato un peccato non portare a casa i tre punti. Ho visto qualche rifinitura sbagliata... Bidaoui in quel contropiede? No, non gli ho detto niente (ride/i>, ndr). Si sarà reso conto rivedendo le immagini che la scelta di non passare il pallone non è stata quella giusta. Ancora dobbiamo migliorare in questi aspetti che fanno la differenza”.

Lo Spezia ora guarda avanti o si guarda ancora indietro?
“In questa fase fare i tre punti in ogni partita è fondamentale. Dobbiamo cercare di guadagnare terreno nei confronti di chi ci sta dietro. Sappiamo di affrontare una squadra molto forte che vive un periodo particolare ma ha tutte le potenzialità per confermarsi al vertice. Tutti hanno momenti difficili nell’arco dell’anno, sappiamo che non sarà una partita semplice per noi. Loro sanno giocare bene palla a terra, dovremo esser bravi a limitare il loro gioco e fare le nostre giocate”.

Verona con qualche assenza al “Picco”. Un vantaggio?
“Anche noi in ogni partita lasciamo per strada qualcuno. L’organico del Verona è ampio, di certo possono sopperire all’assenza di qualche giocatore. Non possiamo contare sul questo aspetto, sono una retrocessa dalla A e noi dovremo curare ogni singolo dettaglio per portare a casa un risultato positivo”.

A che punto è Galabinov, si è visto decisivo nelle ultime due partite.
“I segnali sono di crescita, dobbiamo gestire il parco attaccanti al meglio. Tutti devono essere pronti a giocare dall’inizio o a subentrare. Ha fatto anche un bel gol quando è entrato”.

In difesa ci sarà spazio ancora per Crivello?
“La formazione la comunico domani. Erlic e Capradossi non sono ancora al cento per cento, il fatto di aver trovato in buona condizione Ligi e un Crivello che si è ben comportato ci fa a piacere. Dopo Carpi abbiamo tre partite in una settimana e ci sarà bisogno dell’apporto di tutti”.

A centrocampo tutti fanno molto bene
“Crimi si è fatto male in un momento in cui andava benissimo e Mora si è fatto trovare pronto. Lo stesso De Francesco ha segnato appena chiamato in causa. Non dimentichiamo Maggiore. Non puoi fare un turnover di cinque giocatori sapendo che non ne avranno oltre il settantesimo”.

Vi aspettate una cornice di pubblico degna del valore dell’avversario?
“Se ci sarà uno stadio pieno saremo contenti perché noi stiamo cercando di dare il meglio. Se qualcuno ha visto le ultime partite da casa, è una buona occasion per vederci dal vivo perché questi ragazzi hanno bisogno sicuramente dell’appogggio di più persone possibili”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News