Genova Post La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Domenica 15 Dicembre - ore 21.20

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

"Archiviata la sconfitta di Pisa, dobbiamo credere a ogni pallone"

Mister Italiano in conferenza stampa alla vigilia della partita al Picco contro il Frosinone: "Tiriamo fuori gli attributi, siamo una squadra diversa rispetto a quella predente al Pescara".

In campo alle 21
"Archiviata la sconfitta di Pisa, dobbiamo credere a ogni pallone"

La Spezia - Lo Spezia di mister Vincenzo Italiano ritorna finalmente in campo dopo l'amara trasferta di Pisa. Domani, domenica 24 novembre alle 21, sarà il terreno amico del Picco ad accogliere i bianchi di ritorno dalla sosta, impegnati nella sfida con il Frosinone. Un match che vedrà due delle squadre che hanno maggiormente sorpreso in negativo all'inizio del campionato fronteggiarsi per rilanciarsi in classifica.

"Mentalmente si fa in fretta a recuperare dopo una partita come quella di Pisa: quando hai tutto questo tempo a disposizione per preparare quella successiva. Non potevamo stare a recriminare, a pensare a quello che potevamo fare, dovevamo subito accendere l'interruttore e ripartire per avere la mente di una squadra che sa che dopo Pescara ha cambiato passo, ha cambiato modo di interpretare certe situazioni. E' chiaro che aver perso a Pisa non ha fatto piacere a nessuno, ma dobbiamo archiviare, ripartire e cercare di dimenticare quei 7 minuti. Anche perché - ha detto Italiano nel corso della consueta conferenza stampa pre partita - domani davanti avremo una squadra forte, in salute che ci costringerà a essere sempre concentrati. Penso che oltre al fatto mentale sia importante aver recuperato giocatori che non erano a disposizione per problemi fisici come Marchizza, Ramos, mentre altri crescono come Acampora e Mastinu. Questa sosta ci è servita".
Un altro elemento reduce da uno stop è Ragusa, autore di una doppietta nell'ultimo turno.
"Ragusa ha fatto oggi il secondo allenamento, è stato fuori per l'influenza, vedremo il da farsi. Ho visto in queste due settimane ragazzi che hanno voglia di riscatto, di farsi trovare pronti per rimediare a qualcosa che è venuto più per demeriti nostri: non dobbiamo più regalare situazioni agli avversari. Concentrati, pronti, perché le partite finiscono ben oltre il novantesimo. Non solo Pisa, anche a Benevento e Perugia ci sono state situazioni senza le quali avremmo avuto qualche punto in più".

Sul Frosinone: "Arrivano da sette risultati utili, hanno battuto il Chievo con una partita tosta. Hanno una identità precisa: sono solidi dietro e ripartono velocissimi con i due esterni, Dionisi, che conosciamo tutti, e Ciano, da fermare a tutti i costi, pericoloso anche quando calcia gli angoli e le punizioni. Il Frosinone è una squadra forte in tutti i reparti. L'unica pecca è che fuori casa ha stentato, mi auguro che possa continuare anche domani. Mi ha colpito che non sono partiti bene e che ora hanno uno spirito battagliero diverso dall'inizio. Mi è rimasto impresso un salvataggio di Capuano su un tiro del Chievo da 10 metri. Dobbiamo fare come loro, credere a ogni pallone".

Alla domanda sul futuro dello Spezia e sulla possibilità di escludere di rimanere invischiati nei bassifondi, Italiano risponde: "Da qui in avanti mancano ancora molte gare. Sentenziare rispetto al nostro cammino mi sembra prematuro. Se avessimo fatto risultato a Pisa le cose starebbero in maniera diversa, anche se per me non è così. Dobbiamo uscire da una situazione di classifica che non ci rispecchia, ma dire quale deve essere il nostro obbiettivo da qui in avanti non me la sento. Tiriamo fuori gli attributi, siamo una squadra diversa".

Riguardo ai dati resi noti dal CIES Football Observatory, che collocano le Aquile al sesto posto in Italia per dominio di gioco, il mister replica: "Quello che si propone in settimana lo mettiamo in pratica in partita. Anche se abbiamo segnato più di altri, la nostra mancanza è nei sedici metri in attacco e in quelli difensivi. Sbagliamo troppi gol e non riusciamo a mettere pezze su palle perse che si tramutano in gol subiti. Dobbiamo stare più svegli, nelle aree si vincono e si perdono i campionati. La differenza la fa l'atteggiamento, che non può mai mancare in una partita di calcio, soprattutto quando lo devi modificare. Nell'ultimo turno abbiamo pagato disattenzioni su palle inattive che fino a quel momento, ad eccezione di Pordenone, non ci avevano mai causato problemi. Anche in vista del Frosinone abbiamo curato molto bene questo aspetto, perché i ciociari sono sicuramente una squadra temibile su palla inattiva".

Quale sarà l'undici che scenderà in campo?
"Nonostante due assenze importanti, a centrocampo ho diverse alternative. Ad esempio Mastinu è entrato benissimo a Pisa ed è un peccato non sia riuscito anche a segnare, ma è in netta crescita, così come Acampora, Benedetti ed anche l'argentino Reinhart, aggregato in settimana dalla Primavera. Gyasi? E' un ragazzo che in campo non si risparmia mai, che stringe sempre i denti anche quando non è al meglio, i suoi movimenti - aggiunge Italiano - sono determinanti anche per far esprimere al meglio i compagni, ma purtroppo il gol per un attaccante è vita, quindi normale che sia dispiaciuto".

"La fiducia? Non è mai mancata, percepisco la fiducia della società e del direttore Angelozzi. Ovvio che le vittorie sono importanti e tutti noi siamo determinati a vincere più partite possibili d'ora in avanti", conclude l'allenatore aquilotto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia































Dove acquisterai prevalentemente i tuoi regali di Natale?












Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News