Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Sabato 23 Febbraio - ore 14.45

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Sinistra italiana, dalla Spezia a Torino per dire no alla Tav

Sinistra italiana, dalla Spezia a Torino per dire no alla Tav

La Spezia - Per costruire nuovi ospedali si dice che le risorse pubbliche non bastano, servono i soldi dei privati.
Non si capisce perché per la Tav si arrivi addirittura a ipotizzare di stanziare risorse regionali e non si possa invece chiedere ai privati.
Confindustria non è interessata a sostenere la Tav ma solo le manifestazioni a suo favore? Serve anche a loro un’analisi dei costi e dei benefici?

Multinazionali, finanza speculativa e grandi industriali italiani ci raccontano che se l’economia va male è sempre colpa di altri: tasse, costo del lavoro, infrastrutture. Noi crediamo che sia finito il tempo di farci prendere in giro. Lavoriamo troppo o non lavoriamo niente per colpa loro. Paghiamo più tasse perché trasferiscono i capitali nei paradisi fiscali, perché scelgono a là carte dove insediare le loro sedi legali e fiscali.
La decrescita infelice sono loro.

Davanti al silenzio assordante sul futuro industriale di questo Paese, (la vicenda Pernigotti è sono l’ultima pagina di un’agonia fatta di dumping e speculazione finanziaria.) qualcuno pensa sinceramente che siano con i 40 minuti che potrebbero risparmiare tra 20 anni le merci per andare oltralpe a salvarci? davvero sarà il no alla Tav a rubarci il futuro?

Il Paese ha paura delle piogge e del fango, degli incendi e del vento, perché i soldi per la messa in sicurezza non ci sono. Dire che la più grande opera da sostenere sarebbe questa non è uno slogan, è semplice buon senso. Creerebbe tanto buon lavoro e salverebbe vite, oltre al patrimonio ambientale, paesaggistico e artistico.
Se una casa ha gli infissi vecchi, il boiler rotto e gli impianti non a norma, non ci si indebita per comprare un Suv.

In tutto ciò il commissario per la Torino-Lione Foietta dichiara che il traforo del Frejus è in pericolo come lo era il Ponte Morandi a Genova. Se il rischio sicurezza è concreto e immediato, come possiamo aspettare i vent’anni di costruzione della Tav? Perché non si interviene subito?

Per tutte queste ragioni, insieme a tanti e tante, l'8 dicembre saremo in piazza a Torino, perché crediamo credo che ci siano altre priorità.
Chiunque fosse interessato a raggiungere Torino insieme a noi più scrivere a sinistraitaliana.laspezia@gmail.com


Sinistra Italiana La Spezia

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News