Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 23 Gennaio - ore 11.23

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Sinistra compatta contro Toti: "Non brucerà rifiuti in Enel"

Richiesta del consiglio comunale firmata Pd e Rifondazione. "Nessun cambio di rotta: dismissione".

Sinistra compatta contro Toti: `Non brucerà rifiuti in Enel`

La Spezia - Altolà del Comune della Spezia alla giunta Toti. La richiesta arrivata in queste ore dal consiglio comunale è di ritirare la convenzione con Eco Carbon per l'uso del combustibile da rifiuto negli inceneritori. Il documento chiama in causa la Giunta Toti, responsabile di aver siglato un protocollo d'intesa con il consorzio Eco Carbon per lo studio sulla rendita economica del combustibile da rifiuto da bruciare negli inceneritori.
"Sui temi che riguardano la salute dei cittadini, centrosinistra compatto - commentano in un nota congiunta i capi gruppo di maggioranza Liguori, Masia e Sommovigo - Questa è una battaglia storica iniziata già dal primo mandato Federici". Il documento a firma Pd e maggioranza, approvato anche con il voto di Rifondazione Comunista, oltre ad impegnare la Giunta Toti a ritirare la convenzione firmata con Eco Carbon, ribadisce la ferma contrarietà dell'amministrazione comunale, ad ogni ipotesi di combustione del rifiuto in Enel.

"La convenzione siglata tra la Regione ed Eco Carbon, potrebbe essere il primo passo verso la politica degli inceneritori - afferma il capogruppo Pd Luca Liguori - occorre immediatamente scongiurare questo rischio, ecco perche' abbiamo chiesto alla Regione il ritiro della convenzione.
Non c'era alcuna necessità di avviare quello studio, questa città ha già pagato un prezzo altissimo in termini di inquinamento prodotto da Enel, non può tollerare nessun'altra scelta che minimamente porti ad un futuro diverso, almeno finché la maggioranza di centrosinistra governerà la città, a maggior ragione oggi che il traguardo di dismissione e abbandono della centrale dal territorio, risulta a portata di mano.
"Anche la scelta della raccolta differenziata spinta con il porta a porta in tutto il territorio, persegue tra gli altri l'obiettivo di proteggere la città da possibili cambi di rotta, aumentare il recupero di differenziato e abbattere la quota d'indifferenziato, e' a tutti gli effetti funzionale anche al percorso di dismissione della centrale Enel dal territorio spezzino".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure