Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Sabato 18 Agosto - ore 16.20

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Raffaelli (Pd): "Assurdo che il Comune taccia e parli il privato che vuol costruire"

Il consigliere: "ennesimo dietrofront dopo le promesse elettorali"
Raffaelli (Pd): "Assurdo che il Comune taccia e parli il privato che vuol costruire"

La Spezia - "E' vero che le persone sono portate a dimenticare, ma è ingiusto approfittarsi di questo per prenderle in giro. Siamo all’inizio e sono già cinque le volte in cui l’amministrazione l’ha fatto. Più o meno una al mese". Il caso dell'area ex Sio scatena le opposizioni e dopo le richieste, nemmeno troppo indirette di Melley, è Marco Raffaelli, consigliere comunale in quota Pd, a rincarare la dose, ricontestualizzando il tutto e contestando a Peracchini alcune dichiarazioni, rilasciate mesi fa: "L’apertura di un nuovo centro commerciale nell’area ex Sio va sospesa. Un ulteriore centro vendita di grande distribuzione potrebbe solamente accentuare il declino dell’attuale tessuto commerciale": "Non sono parole mie. Sono parole di Peracchini, rilasciate alla stampa in data 3 Aprile 2017, durante la campagna elettorale, già investito della candidatura a sindaco dal centrodestra. Ecco perché l'amministrazione oggi non dice chiaramente le cose come stanno, ma lascia addirittura che a parlare per lei sia il privato che vuol costruire la struttura. Peracchini cerca di fuggire dalle responsabilità e dalle bugie che, dopo soli sei mesi, cominciano a pesare".

Raffaelli non si accontenta ed elenca gli altri casus belli: "Parto dall’aggregazione Acam-Iren che aveva promesso in tutti i modi di non fare; proseguo con la vendita di parchi, delle scuole e di altri immobili pubblici, su cui noi avevamo previsto progetti di valorizzazione per rivitalizzare le attività sociali nelle periferie. Pensiamo solo alla battaglia che dell’opposizione portarono avanti per la scuola di Via Firenze, negli scorsi anni, fatta allora solo per cavalcare una protesta utile elettoralmente. E che dire della tassa di soggiorno aumentata con il conseguente esborso degli operatori del settore sulle prenotazioni già effettuate. L'indebitamento degli spezzini con le banche poi è cresciuto per i nuovi mutui accesi. Oggi emerge la volontà di realizzare un nuovo centro commerciale: per impedirlo bastava non far decadere il Puc, o presentare una delibera di Variante ad hoc motivandola con la tutela al piccolo commercio e l’attenzione per un’attenta rigenerazione urbana. Cose che il Pd ha chiesto di fare e continuerà a chiedere di fare".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News