Città della Spezia Liguria News Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Venerdì 23 Febbraio - ore 23.23

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Pucciarelli: "Basta con i buonismi e con i diktat di una certa cultura islamica"

Pucciarelli: "Basta con i buonismi e con i diktat di una certa cultura islamica"

La Spezia - "No ai diktat di certa cultura islamica e violenza di genere. Sì alla difesa della libertà e dignità delle donne". Lo scrive Stefania Pucciarelli consigliera regionale di Lega nord alla luce di due episodi denunciati nello Spezzino e nel Savonese.
Pucciarelli in una nota scrive: "Purtroppo, dopo aver commentato il recente caso di Rocchetta Vara, nello Spezzino, dove una giovane marocchina ha denunciato di essere stata maltrattata dal marito con continue violenze e privazioni solo perché voleva truccarsi e indossare abiti all’Occidentale, i mass media hanno riferito di un altro brutto episodio a Sanremo in cui il carnefice è ancora uno straniero".

"Stavolta la vittima non è una connazionale dell’arrestato - scrive Pucciarelli -, ma una donna italiana che conviveva con un tunisino ed è stata salvata dalla polizia dopo una serie di violenze, umiliazioni e segregazione in casa. Le sue colpe? Quella di voler essere libera, di non volere più andare avanti con la relazione e di rifiutare di sposare l’immigrato per poi rimanere a lui sottomessa".

"Non è la prima volta che accade perché episodi del genere pian piano vengono alla luce con le denunce delle vittime - scrive ancora la consigliera di Lega nord -. Pensiamo, però, anche al sommerso. Troppe donne sono vittime di un fattore comune che viene tollerato a causa del buonismo dilagante. In realtà, stiamo importando anche una cultura che impone i suoi diktat e vede la donna come un oggetto o comunque una persona da sottomettere e schiavizzare".

"In gran parte dei casi viene imposto lo stile di vita impedendo la libertà delle compagne - prosegue -, fidanzate o mogli, ghettizzandole. In questo ultimo caso di Sanremo, l’ex convivente straniero voleva anche utilizzare l'italiana per ottenere il permesso di soggiorno".

"Altro che integrazione - conclude -. Se è a questo imbarbarimento della nostra società che le varie buoniste, come Laura Boldrini e le femministe radical chic del Pd, intendono ambire per il futuro dell’Italia, noi donne di centrodestra diciamo un secco NO. Quando saremo al governo del Paese cambieremo registro usando tolleranza zero, anche con i necessari rimpatri, contro i responsabili di questi inaccettabili fenomeni di violenza di genere”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia










I SONDAGGI DI CDS

Matteo Salvini ha proposto la reintroduzione della leva obbligatoria per i giovani maschi. Tu che ne pensi?
































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News