Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Domenica 19 Agosto - ore 13.14

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Presepi in ogni spazio comunale e statuine a carico dei consiglieri

La mozione dei consiglieri della Lista Toti-Forza Italia: "Un cristiano morto ogni sei minuti". L'idea di un'inaugurazione aperta alle comunità straniere.

Presepi in ogni spazio comunale e statuine a carico dei consiglieri

La Spezia - Un presepe a Palazzo civico realizzato coinvolgendo i consiglieri comunali, chiamati a contribuire con addobbi e statuine. E ancora, presepi presso le sedi di "tutte le altri istituzioni e aziende di competenza dell'amministrazione comunale". Questo è l'impegno che chiedono al sindaco Peracchini e alla sua giunta, con la più natalizia delle mozioni (sarà discussa nel consiglio del 21 dicembre) , i consiglieri comunali del gruppo Forza Italia-Lista Toti. Un'altra mossa identitaria, quindi, dai banchi della maggioranza, dopo quella dedicata al crocifisso presentata con successo dalla Lega nord. I firmatari - che sono i consiglieri Fabio Cenerini (capogruppo), Giacomo Peserico, Andrea Biagi, Oscar Teja ed Enzo Ceragioli - partono da una considerazione sulla condizione dei cristiani nel mondo. "Attualmente le violenze contro i cristiani sono più numerose che in passato. Secondo i dati forniti dal Center for Study of Global Christianity, nel 2016 circa 90 mila cristiani sono stati uccisi per la loro fede, cioè un morto ogni 6 minuti. Di questi il 70 per cento sono stati uccisi in Africa perché si sarebbero rifiutati di imbracciare le armi nei conflitti tribali. Il restante 30 per cento è stato massacrato durante attentati terroristici, persecuzioni ordinate dal governo (come in Corea del Nord) o durante la distruzione di villaggi. Inoltre, paragonando le statistiche di tre diversi centri di ricerca degli Stati Uniti e del Censur, risulta che in 102 paesi del mondo fra i 500 e i 600 milioni di cristiani non possono professare liberamente la loro fede. Questi dati attestano che senza voler dimenticare o sminuire le sofferenze dei membri di altre religioni, i cristiani sono il gruppo religioso più perseguitato del mondo. Appare davvero necessario che in tutto il mondo le comunità cristiane si mobilitino in difesa del diritto di professare liberamente la propria fede e i propri valori e che questo riguardi in particolare il mondo occidentale".

Faretto sull'Europa: "Anche nel nostro continente purtroppo - scrivono il capogruppo Cenerini e gli altri firmatari - diversi attentati hanno costituito un vero e proprio attacco al cuore dell'Europa e quindi a valori e stili di vita dell'intero mondo Occidentale. Negli ultimi decenni anche la popolazione italiana si è arricchita della presenza di cittadini provenienti da altri paesi, anche extraeuropei, che professano diversi credi e confessioni religiose. Ogni politica di accoglienza necessariamente deve trovare efficace soluzione attraverso il riconoscimento e il rispetto delle proprie tradizioni e non può essere fondata in alcun modo sulla rinuncia dei propri valori e dei propri simboli. La nostra cultura occidentale ed Europea è fondata sui valori dell'Umanesimo e della tradizione cristiana, il presepe rappresenta, oltre che cultura e tradizione, uno straordinario messaggio di pace, serenità, civile convivenza tra i popoli e speranza nel futuro in particolar modo per le giovani generazioni". E c'è la ferma convinzione che "la realizzazione dell'esposizione di simbologie religiose in pubblici locali non contrasta con una concezione della laicità delle istituzioni" e che "appare opportuno responsabilizzare ciascun componente il Consiglio comunale quale espressione della cittadinanza a testimoniare l'identità culturale e religiosa della nostra comunità".

Di qui la richiesta all'amministrazione di un impegno a piazzare la capanna, i pastorelli, il Bambinello e tutto il resto a Palazzo civico. Un presepe, come detto, da allestire coinvolgendo i consiglieri comunali. A loro carico, "per non gravare sulle casse comunali". Quindi, in caso di prevedibile approvazione della mozione, chi vorrà potrà sfoderare un Melchiorre, un asinello, un San Giuseppe, naturalmente accordandosi prima per evitare doppioni. Il testo proposto dai consigliere della Lista Toti - Forza Italia chiede anche che sia organizzata un'inaugurazione del presepio "invitando tutta la Cittadinanza, le Comunità straniere presenti sul territorio comunale, il Consiglio degli stranieri, le Associazioni di volontariato e culturali presenti nel nostro Comune per una maggiore conoscenza e comprensione delle nostre tradizioni e della nostra cultura anche attraverso questo simbolo di pace e speranza", invitando altresì "i Dirigenti scolastici a realizzare negli istituti scolastici di competenza comunale un presepe coinvolgendo il Corpo docente, gli studenti e anche le famiglie" e "a prevedere la realizzazione di un presepe in tutte le altre Istituzioni e Aziende di competenza dell'Amministrazione comunale".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News