Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 21 Febbraio - ore 22.15

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Prc: "Peracchini reintroduca residenza anagrafica in attesa del pronunciamento di costituzionalità"

Decreto SicurezzA
Prc: "Peracchini reintroduca residenza anagrafica in attesa del pronunciamento di costituzionalità"

La Spezia - "Se proprio la questione dell'universalità dei diritti violati non convince, paradossalmente i primi a dover chiedere un ripensamento sul Decreto Sicurezza dovrebbero essere proprio coloro che individuano nei migranti la causa di tutti i mali che viviamo, perché gli effetti dell'applicazione creeranno ancora più marginalità e sofferenza sociale. Per questo riteniamo che perlomeno la sospensione del decreto relativamente alla residenza anagrafica sia un atto doveroso in attesa degli opportune verifiche di costituzionalità che in queste settimane sono state richieste". Così Veruschka Fedi, segretaria provinciale di Rifondazione Comunista e Massimo Lombardi, consigliere comunale di Spezia Bene Comune, che aggiungono: "A poco più di un mese dalla sua entrata in vigore, i sindaci italiani hanno preso coscienza delle gravi conseguenze per i tessuti sociali delle città. Rifondazione ha contrastato questo provvedimento quando ancora era in discussione, denunciandone tutte le storture e siamo scesi in piazza contro la sua approvazione assieme a migliaia di persone nella manifestazione del 10 Novembre a Roma degli Indivisibili".

"Per questo - continuano i due esponenti comunisti - la disobbedienza dei sindaci di Napoli e Palermo lo consideriamo un atto politico coraggioso da una parte e doveroso per la tutela di tutte le cittadine e cittadini. Le conseguenze di questa legge le vivremo sulla nostra pelle, visto che non solo penalizzerà i cosiddetti "migranti" ma si trasformerà in un vero e proprio regalo alla criminalità. I sindaci lo hanno capito. Negare la residenza anagrafica ai titolari di permesso di soggiorno per motivi umanitari in fase di rinnovo e ai richiedenti asilo, adulti o bambini non accompagnati che siano, significa non dare loro una carta d'identità e di conseguenza lasciarli nell'impossibilità di avere un lavoro e cure sanitarie. Associamo a tutto questo lo smantellamento dell'accoglienza SPRAR (unanimemente riconosciuta come la migliore soluzione) e l'impatto fortemente negativo sulle condizioni di vita delle persone e delle città, oltre che sull'esercizio effettivo dei diritti, è inevitabile".
Tramite il consigliere comunale Massimo Lombardi è stata depositato una mozione specifica, che si discuterà lunedì' 4 febbraio in consiglio comunale, in cui verrà chiesto sia attuata la sospensiva del "Decreto Sicurezza" e la conseguente reintroduzione della residenza anagrafica.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News