Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Venerdì 18 Settembre - ore 23.58

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Popolari verso il ticket con FI, intanto Massardo si presenta

Un polo moderato che bilanci lo strapotere sovranista e dia qualche certezza in più vista l'abolizione del listino. Su diverso fronte, la conferenza del professore: "Io uomo del popolo e del fare, vogliamo portare riformismo e indipendenza".

"Toti burlandiano"

La Spezia - Non pare impossibile vedere la costituzione, in seno all'alleanza di centrodestra, di un polo moderato che raccolga Forza Italia, Liguria popolare e Polis, la realtà che fa capo al sindaco di Imperia Claudio Scajola, che quindi, dopo tanti e noti screzi, sosterrebbe infine Giovanni Toti. E sarebbe anche un far di necessità virtù, visto che la riforma elettorale odierna ha eliminato il 'listino' bloccato, rendendo necessario giocarsi tutto in sede di preferenze e percentuali. Dell'operazione sarebbe anche Andrea Costa, presidente di Liguria popolare, consigliere regionale e, alla Spezia, comunale. I gialloblù infatti in solitaria rischierebbero di non riuscire a mandare su nessuno dallo Spezzino: meglio quindi immaginare il menzionato ticket con Forza Italia che, qualora non consegnasse all'ex sindaco di Beverino il rinnovo del mandato consiliare, potrebbe tuttavia essere il viatico per un assessorato, sviluppo non certo inaudito arrivando da cinque anni di consiglio e da lunga esperienza. Pare più difficile che Costa scelga di passare sotto l'egida totiana di Cambiamo – che di voti ne conta certo un bel po' -, cosa che darebbe garanzie importanti in chiave consiglio, ma – e qua emerge quindi una certa inverosimiglianza dell'opzione – dilapiderebbe il certosino lavoro fatto nei territori in questi anni, avvicinando alla causa popolare anche tante persone che politica, prima, non l'avevano mai fatta.

Intanto, stamani a Genova si è presentato in conferenza stampa il professor Fausto Aristide Massardo, candidato di Italia Viva, Psi, Più europa e Alleanza civica, movimento che alla Spezia ha in Lorenzo Forcieri il suo primo animatore. “Sono un uomo del fare e del pensare – ha affermato -, e una persona del popolo, figlio di un operaio. Vengo dal mondo accademico e da quello industriale. Sono un ingegnere con un lato umanista, ho una grande passione per la Storia. E non sono una persona ricattabile: non baratto le mie idee per assessorati, vice presidente o posti in Cda. Avrei voluto guidare una coalizione ampia per sfidare Toti, invece c'è stata una rottura non voluta da me, è la sinistra che ha rotto, cosa che favorisce Toti. Il mio obiettivo? Portare nella politica competenza, indipendenza e capacità di risolvere i problemi, mettendo in primo piano gli interessi dei liguri e non la volontà di comandare nel proprio partito. E offrendo alla Liguria un progetto riformista di visione internazionale, con orizzonte il 2030. In questi anni Toti non ha fatto altro che portare avanti quanto fatto da chi c'era prima di lui. Toti forse è il più burlandiano dei burlandiani”.

Durissimi alcuni passaggi contro il Pd: “Hanno portato l'avvocato Bandiera in riunione di coalizione, dove è stato massacrato, come già Dello Strologo. La coalizione ha poi dato mandato al Pd di votare in direzione tra me e Sansa, ma non l'hanno fatto per non spaccare il partito, così hanno riportato Bandiera per farsi dire di no: una soluzione poco democratica. A quel punto i Cinque stelle hanno detto che andava bene Sansa, andando contro Crimi, di fatto commissariandolo. E lo scorso giugno ho incontrato il segretario regionale Pd (Farello, ndr) che mi ha detto che, in caso di candidatura di Sansa, lui avrebbe votato Toti”. A Spezia ha dedicato un passaggio in chiave Felettino ("l'ospedale doveva essere pronto"), e ha messo la sanità al centro di una sua prima eventuale azione da presidente: "Incaricherei subito una società indipendente per fare un quadro della sanità ligure, per sapere come stiamo e dove andiamo".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News