Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Sabato 18 Agosto - ore 20.50

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Politica e mondo sindacale ricordano Luciano Faraguti

Il ricordo del sindaco Peracchini, di Caleo, Paita, Bufano, Rossetti e del segretario della Cisl Antonio Carro.

generazione "dei cinquantottini"
Politica e mondo sindacale ricordano Luciano Faraguti

La Spezia - E' morto la scorsa notte all'età di 80 anni all'ospedale San Martino di Genova Luciano Faraguti, figura di spicco della vita politica spezzina per buona parte del '900. Nato in riva al Golfo nel 1937, apparteneva a quella che Vittorio Emiliani, in un bel libro, ha chiamato di recente la generazione "dei cinquantottini". Quei giovani, cioè, che salirono alla ribalta locale e nazionale alla fine degli anni Cinquanta, costruendo le basi di una nuova classe dirigente, la prima davvero successiva al periodo del fascismo.

"Ci ha lasciati Luciano Faraguti - lo ha ricordato il sindaco della Spezia Pierluigi Peracchini -, una figura di spicco della vita politica spezzina la cui cifra stilistica era quella di attuare un’azione politica forse poco appariscente ma molto efficace. Faraguti ha sempre avuto a cuore il territorio spezzino e molto ha fatto a favore della sua crescita. A lui dobbiamo, ad esempio, lo sviluppo del porto. Per questo dobbiamo essergli grati. Leader ligure della sinistra sociale della Democrazia Cristiana guidato da Carlo Donat Cattin fu sempre attento ai problemi del lavoro e degli ultimi. La sua lunga attività politica lo ha portato a ricoprire ruoli importantissimi: è stato Deputato dal 1979 al 1994, Sottosegretario al Turismo e Spettacolo nei governi Craxi I (1983-1986), Craxi II (1986-1987) e Fanfani VI (1987). È stato Consigliere Regionale della Liguria dal 1975 al ‘79 quando si dimise per candidarsi alla Camera dei Deputati. A nome mio personale e della Città porgo ai suoi familiari sentite condoglianze.”

Il ricordo di Paolo Bufano, esponente Pd di storia democristiana: "È morto Luciano Faraguti, parlamentare spezzino della Democrazia Cristiana negli anni 80', leader della corrente di Forze Nuove e - dopo lo 'strappo' di Buttiglione - commissario provinciale dei Popolari di Gerardo Bianco, Marini, Bindi e Castagnetti nell'Ulivo. Esponente di rilievo nazionale della Sinistra Sociale democristiana ebbe saldo ancoraggio alla dottrina sociale della Chiesa e grande intelligenza politica, né fu mai neppure sfiorato dalla questione morale in una fase politica sotto questo aspetto drammatica. Una certa caratteriale indolenza e la (apparentemente contraddittoria) passione per la politica 'romana' (talora a discapito della puntuale rappresentanza del 'collegio') non ne scalfiscono l'immagine di cavallo di razza della politica e di autorevole rappresentante delle istituzioni. Una figura la cui dolorosa perdita non può non può che suscitare rimpianto e nostalgia (specie a raffronto con la mediocrità di gran parte dei protagonisti della politica di oggi)".

"Si è sempre impegnato in favore della comunità, della crescita della nostra città e delle sue attività economiche e sociali", lo ricorda Antonio Carro, segretario provinciale Cisl della Spezia. "Il suo lavoro per lo sviluppo dell’Arsenale, del porto e dell’economia è sempre stato costante e caratterizzato da grande competenza con un occhio attento alle esigenze e alle prerogative dei lavoratori. Ci uniamo al dolore dei familiari e di quanti lo hanno conosciuto".

Il Partito Democratico della Spezia esprime "cordoglio per la morte di Luciano Faraguti, noto esponente politico della Democrazia Cristina, nonché parlamentare spezzino e politico di spicco della Sinistra sociale democristiana,che ebbe un ruolo di rilievo durante la formazione dell’Ulivo. Fu esponente politico e istituzionale in tempi ugualmente difficili ma determinanti nella storia repubblicana del nostro paese. Si dedicò alla nostra città e al suo sviluppo in maniera convinta e sempre discreta. Alla famiglia giungano le nostre più sentite condoglianze".

"Luciano Faraguti, scomparso la notte scorsa, era una persona intelligentissima, con una forte attenzione per il sociale. Il suo stile e la sua sobrietà restano un esempio indimenticabile, soprattutto in una stagione di politica urlata e aggressiva come questa. Nonostante venissimo da storie politiche diverse, eravamo molto amici e, in questi anni, ho cercato di fare tesoro dei suoi consigli sempre utili, pacati e brillanti. Faraguti ha fatto molto per la Spezia, battendosi per le infrastrutture e il porto, diventando una delle figure chiave del suo sviluppo e ricoprendo ruoli politici e amministrativi molto importanti. Era una persona elegante e con una grande visione, che ci mancherà tantissimo. La città lo ricordi con il rispetto che merita. Alla famiglia le mie più sentite condoglianza". Lo ha detto Raffaella Paita, capogruppo Pd in Regione Liguria. Pippo Rossetti lo definisce "politico di grande spessore e amico. Ricordo le battaglie condivise nel corso degli anni e la tenacia nel portare avanti le proprie idee. Faraguti nel corso della sua vita ha ricoperto molti ruoli politici e amministrativi prestigiosi e lo ha fatto sempre con grande intelligenza e guardando al bene comune, lavorando con grande impegno per lo sviluppo della Liguria. La sua scomparsa rappresenta una grave perdita non solo per i suoi cari a cui siamo vicini".

"Conobbi Luciano Faraguti quando ero giovane assessore allo sport di Sarzana - aggiunge Massimo Caleo, nel suo personale ricordo -, esattamente nell’anno 1987 durante un meeting internazionale di judo organizzato da Mauro Faconti. Un incontro che mi servì a capire da vicino la sua statura politica. Sebbene di idee diverse dalle mie, ne apprezzai infatti da avversario le sue azioni di rinnovamento nell’ambito delle radici popolari. Faraguti diede lustro al nostro territorio, partecipando da protagonista alla vita nazionale della Dc e a quella del governo nazionale come sottosegretario al Turismo. Tutti dobbiamo ricordarlo per la coerenza delle sue posizioni. In questo triste momento io e la mia famiglia vogliamo partecipare al dolore dei suoi cari e far giungere loro le più sentite condoglianze".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News