Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 18 Giugno - ore 17.56

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Peracchini a Orlando: "Perché da ministro non ha messo al bando Casapound?”

Cenerini all'ex ministro: "Parole inqualificabili".

"chi mi accosta al fascismo si sciacqui la bocca"

La Spezia - Arriva la reazione da Palazzo civico dopo le dichiarazioni del parlamentare Andrea Orlando (leggi qui). In merito il primo cittadino Pier Luigi Perachini ha dichiarato “La misura è colma. Le parole dell’ex Ministro di Grazia e Giustizia Andrea Orlando sono di una gravità inaudita. Alla richiesta dell’Associazione culturale Lo Sciré di presentare un libro sull’Europa che nulla ha a che fare con il fascismo, il Comune della Spezia ha concesso una sala, in affitto, quella della Mediateca. Una questione di libertà che non ho mai voluto mettere in discussione perché in democrazia si rispettano le leggi e i regolamenti e tutte le idee devono trovare spazio, anche quelle che non condividiamo, come in questo caso. Ho rispettato la manifestazione, perché democrazia è proprio questo: che venga presentato un libro con delle idee, che si manifesti contro quelle idee. Non ho accettato, invece, le minacce di essere appeso come qualche leone da tastiera mi augurava. Né quelle campane, che suonavano a morto. Dalle opposizioni nessuna solidarietà, ma anche questa è libertà. Il giudizio, invece, va agli elettori".

"Perché - scrive il sindaco - quando era Ministro di Grazia e Giustizia, Orlando non ha messo al bando il partito di Casapound se aveva paura di rigurgiti fascisti? La speculazione elettorale sul fascismo e sull’antifascismo si spegnerà domenica sera, a urne chiuse: a quel punto, l’opposizione di sinistra della città, l’ex Ministro e attuale deputato Orlando e la deputata Paita torneranno a Roma tranquilli e sereni, contenti di aver buttato in caciara nella loro città temi fondamentali per la nostra democrazia solo per un po’ di campagna elettorale a basso costo e a bassissimi contenuti. Dov’eravate a tutte le manifestazioni storiche e antifasciste che l’attuale Amministrazione ha organizzato insieme al Comitato Unitario della Resistenza? La mostra sui Fratelli Rosselli, per esempio, o la settimana scorsa al Premio Exodus? Basta opportunismi, basta doppi pesismi: io sono antifascista da sempre, e trovo intollerabile tutta questa violenza”.

Per il capogruppo Toti Forza Italia Fabio Cenerini, le parole dell'ex ministro Orlando sono "inqualificabili". "A suo dire avrebbe scelto di stare con i fascisti - tuona il consigliere -. Ovviamente si tratta solo di propaganda di un ex comunista, che da ministro della giustizia in carica fino a un anno fa si è ben guardato di dire che Casapound è un partito fascista e ancor di più nel rispetto del suo ruolo e dei cittadini di prendere l’iniziativa per lo scioglimento di un partito che solo oggi definisce fascista, come prevede la legge Scelba, che un ministro della giustizia dovrebbe conoscere e garantirne l’applicazione".
"Quindi se c’è uno che è stato garante di quelli che oggi risvegliatosi dal suo torpore istituzionale definisce fascisti è stato proprio lui - prosegue -. Che giustifichi davanti alla città e nel suo caso di ex ministro della Repubblica al paese, la sua inerzia e inettitudine, per non dire accondiscendenza alla ricostituzione di un partito fascista".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia































La Piazza Sospesa sorgerà tra Via Diaz e il lungomare: vi piace il progetto?











Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News