Città della Spezia Liguria News Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Venerdì 23 Febbraio - ore 23.23

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Peracchini: "Nessuna crisi, è la democrazia. Ma se il coraggio non ce l'hai..."

Il voto contrario di Guerri e Caratozzolo, gli scambi acidi in consiglio comunale e la puntura del sindaco. Ci sono scricchiolii da sistemare.

Peracchini: "Nessuna crisi, è la democrazia. Ma se il coraggio non ce l'hai..."

La Spezia - Nessuna crisi politica in maggioranza. Parola di Pierluigi Peracchini. Il sindaco questa mattina ha smorzato i toni e i termini ai taccuini di CDS, poche ore dopo la votazione della delibera sull'aggregazione tra Acam e Iren in cui le due luci rosse accese dal presidente del consiglio comunale Giulio Guerri e dal consigliere Massimo Caratozzolo stonavano all'interno del mare di bottoni verdi premuti dal resto della maggioranza.
Per il sindaco quanto avvenuto ieri non crea un precedente, né apre la strada a cacciate o defenestrazioni. Però, con la consueta durezza, qualche puntura ai due - senza dimenticare l'assenza di Patrizia Saccone (che siede nel gruppo misto e aveva annunciato la sua astensione) - il primo cittadino la infligge.
"Si è trattato del voto su un provvedimento che è stato impostato dall'amministrazione precedente, non da questa maggioranza - ribadisce Peracchini -. E in democrazia ci possono essere visioni differenti. D'altronde nella vita se il coraggio non ce l'hai, non lo puoi comprare. E' stato un voto di responsabilità, il nostro. E' stato come doversi sottoporre a un'operazione: nessuno lo fa volentieri, ma se è necessario ci si adegua. Toccheremo altri argomenti spinosi, altri nodi verranno al pettine, dopo sessant'anni in cui la città è stata amministrata male".

Nel corso del consiglio comunale il sindaco avevo tenuto a puntualizzare che nella sua campagna elettorale non aveva parlato di un no all'aggregazione, ma di voler prima di tutto vedere le carte. Nessun accenno alla vicenda nemmeno nelle linee programmatiche. A schierarsi apertamente contro l'operazione di fusione con Iren era stato invece Guerri, che lo aveva messo nero su bianco nel suo programma. Dal presidente del consiglio comunale e da Caratozzolo, dunque, c'è stato un atto di coerenza, che stride, però, con la scelta di apparentarsi con il centrodestra senza chiarire sino in fondo la posizione su un tema così complesso e caro ai cittadini.

Un aspetto, questo, reso evidente dall'intervento di ieri sera di Caratozzolo, che ha lamentato l'impossibilità di valutare in maniera completa la questione a causa di una consegna tardiva dei documenti, ha espresso ripetutamente preoccupazione per quella "idonea" salvaguardia dei lavoratori che non mette sufficientemente al riparo da sorprese e ha dichiarato di voler mantenere l'acqua pubblica.
Numerosi gli appelli al senso di responsabilità da parte dei colleghi della maggioranza, con qualche rimbrotto più diretto per la ricerca dell'applauso da parte del pubblico sfruttando posizioni populiste.
"L'acqua che Acam porta nelle case degli spezzini non è del tutto pubblica nemmeno oggi - ha replicato Peracchini -, molta è acquistata da un privato. E le reti rimangono dei Comuni, ora e nel futuro".
Da Fabio Cenerini una tirata d'orecchi per l'abitudine di comunicare la propria posizione prima su Facebook che nelle riunioni di maggioranza e per aver lanciato un'accusa generica di voto non autonomo da parte dei consiglieri. Pacato, ma pesante, il dispiacere di Andrea Costa per la mancata condivisione sulla delibera da parte di tutta la maggioranza: "A volte bisogna essere in grado di mediare anche le proprie posizioni".
Crisi non è, ma, pensando a quanto accaduto nella stessa aula non molto tempo fa, certi scricchiolii - se non risolti a dovere - dovrebbero non far dormire a tutti sonni tranquilli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia










I SONDAGGI DI CDS

Matteo Salvini ha proposto la reintroduzione della leva obbligatoria per i giovani maschi. Tu che ne pensi?
































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News