Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 21 Agosto - ore 00.20

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Pecunia (Pd): "Dalle partecipate a Guerri, troppe anomalie in un consiglio comunale"

Pecunia (Pd): `Dalle partecipate a Guerri, troppe anomalie in un consiglio comunale`

La Spezia - Spezia Risorse e Atc Mp, in questi anni, hanno ben operato, come dimostrano i risultati di bilancio in attivo. Quindi ci saremmo aspettati che il neosindaco Peracchini valutasse il positivo lavoro svolto dalle due società nell’interesse della Spezia e dei cittadini, nella seduta di consiglio di ieri sera in cui si discuteva la delibera sugli indirizzi delle due società. O meglio si sarebbe dovuto discutere, perché di indirizzi e strategie nemmeno l'ombra.
Ha preferito compiere una accelerazione assecondando ripetute richieste arrivate negli scorsi giorni da alcuni membri della sua maggioranza forse bramosi più di capire chi andrà a fare cosa che delle linee da seguire; così tanto da dare carattere di urgenza alla delibera, non fermandosi a valutare nemmeno per un giorno il buon operato delle società: ha immediatamente chiesto le dimissioni ai loro rappresentati. Peracchini ha insistito per rinnovare gli organi societari, arrivando persino a scrivere nella delibera - contestata nel corso del Consiglio comunale di ieri sera - che gli amministratori si erano dimessi. Che tale affermazione non sia vera è confermato dall’accesso agli atti che ho in mano. Viene così a mancare il carattere di urgenza. Inoltre in quella delibera sono contenuti altri errori, per esempio manca totalmente da Atc Mp la partecipazione del Comune di Monterosso, come socio azionista. L’impressione è che Peracchini voglia addirittura bypassare la procedura di bandi introdotta nel 1997 sempre seguita dalle amministrazioni di centrosinistra e che consente di raccogliere la disponibilità da parte di soggetti qualificati attraverso un percorso pubblico trasparente.
Ma l’aspetto più rilevante di questa vicenda è che il neosindaco ha presento la delibera sulla sostituzione dei membri delle società prima di quella sugli indirizzi che l’amministrazione intende dare ai prossimi 5 anni di governo. Lo statuto del Comune della Spezia prevede, come è logico, che la prima seduta del Consiglio comunale sia dedicata all’esposizione del programma, ma Peracchini, prima ancora di dire cosa vuol fare per la città, ha deciso di dare il via alla procedura di occupazione delle poltrone. Mai e accaduto che una delibera così importante venisse liquida in modo così semplicistico. L'urgenza c'era ma era politica.
Infine va segnalata un’altra anomalia nella seduta di ieri: Guerri, presidente del Consiglio comunale, si è nominato anche capogruppo del proprio partito politico. Mai nella storia del Comune della Spezia il presidente dell’organo elettivo aveva abdicato alla sua funzione di garanzia, per diventare il capo del gruppo consiliare di appartenenza. Anche questo è un segno dei tempi. Tempi in cui le regole e le procedure istituzionali sono considerate orpelli di cui fare a meno. E tempi che, come abbiamo dimostrato ieri avverseremo, stando sul merito delle questioni e chiedendo il rispetto delle regole, con tutte le nostre forze e chiamando a raccolta le altre minoranze.

Federica Pecunia,
segretaria provinciale Partito Democratico

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure