Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 14 Agosto - ore 10.54

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Pd: "Nessuna risposta su Coopservice". Battistini: "Trasparenza è obbligo"

Pd: "Nessuna risposta su Coopservice". Battistini: "Trasparenza è obbligo"

La Spezia - Oggi in consiglio regionale Raffaella Paita (Pd) ha presentato un’interrogazione, sottoscritta dal collega di gruppo Juri Michelucci, sulla gara bandita dalla Asl5 per l’affidamento del servizio di pulizia  e sanificazione e di supporto logistico alberghiero (base d’asta di 7 milioni e 205 mila euro) assegnata a Coopservice Soc. Coop per un canone annuo di 6 milioni e 646 mila euro. Paita ha chiesto di garantire la buona organizzazione e la qualità del servizio di pulizia fornito dalla cooperativa e se sono state svolte dalla ASL 5 verifiche sul sistema organizzativo di fornitura del servizio
L’assessore alla sanità Sonia Viale ha detto nel settembre 2017 è entrato in vigore un nuovo contratto che ha implementato il sistema di controllo secondo quanto previsto dal capitolato, che si articola in verifiche senza alcun preavviso e verifiche di risultato, in contradditorio con il referente dell’impresa. Mensilmente, inoltre, vengono monitorati il personale e la turnistica dei dipendenti. L’assessore ha quindi fornito al consigliere un dettagliato elenco, messo a disposizione dall’Asl, con gli esiti delle verifiche effettuate.

"Ancora nessuna risposta su Coopervice - hanno commentato a margine Paita e Michelucci -. Com’è ormai sua abitudine, l’assessore Viale preferisce evitare di replicare alle domande dell’opposizione e, anche questa mattina in aula, alle precise richieste che abbiamo mosso su Coopservice (e cioè: quali iniziative abbia assunto la Giunta per garantire la buona organizzazione e la qualità del servizio di pulizia e sanificazione degli ambienti e supporto logistico alberghiero dell’Asl 5 e se siano state volte dall’Azienda sanitaria le verifiche sul sistema organizzativo di forniture del servizio), l’assessore ha evitato accuratamente di entrare nel merito della questione. Forse al centrodestra e alla vicepresidente della Giunta ligure non interessa nulla dei lavoratori di Coopservice, che recentemente sono anche scesi in piazza per chiedere il rispetto dei propri diritti".

Su Coopservice va giù duro anche il consigliere Francesco Battistini (Rete a sinistra/Liberamente Liguria). "Le polemiche che, nelle ultime settimane, hanno accompagnato la nuova organizzazione delle mansioni assegnate agli operatori sociosanitari di Coopservice, titolare del contratto di appalto multi servizi con Asl5 - dichiara -, e la mancanza di risposte adeguate alle nostre domande a ai dubbi che avevamo avanzato ci hanno portati a eseguire istituzionalmente un accesso agli atti, per ottenere tutta la documentazione legata a quel contratto.
Ricevuto il corposo dossier di documenti abbiamo proceduto a una analisi dei contenuti e, come prevedibile, abbiamo riscontrato evidenti incongurenze.
Stiamo infatti parlando di due diverse tipologie di servizio : il servizio di sanificazione e pulizia degli ambienti e il supporto logistico-alberghiero.
Due servizi che richiedono professionalita’ diverse che hanno compiti, chiaramente definiti nel capitolato speciale d’appalto, ben distinti e, evidentemente, costi diversi. Ma quello che ci e’ immediatamente saltato agli occhi e’ una frase, contenuta nel contratto, che conferma, senza dubbio alcuno, quanto abbiamo sostenuto fin dall’inizio della vicenda: 'I servizi verranno svolti […] nel rispetto delle vigenti normative di regolamentazione delle rispettive figure professionali'. E’ chiaro, dunque, che il contratto preveda individui diversi nello svolgimento delle due diverse mansioni".

Per Battistini "la stessa certezza risulta, d’altra parte, chiarita anche dalle tabelle legate all’offerta economica, da cui si evince come il servizio di pulizia e sanificazione debba essere svolto, nel 92% dei casi, da lavoratori appartenenti al 2° livello retributivo, al costo medio orario di € 14,40 mentre il servizio di supporto logistico-alberghiero debba essere svolto, nel 97% dei casi, da lavoratori appartenenti al 3° livello retributivo, al costo orario di € 15,12.
Il dato certo e’ che, molto spesso, lo stesso lavoratore svolge entrambi i servizi. Il dubbio: e’ un lavoratore appartenente a un 2° livello che svolge un servizio per il quale non e’ qualificato o e’ un lavoratore di 3° livello che svolge un servizio a un costo superiore a quello previsto? Questa e’ la prima e piu’ immediata domanda a cui la dirigenza ASL5 deve rispondere. Ci sono poi altri aspetti che stiamo approfondendo, ma di questo tratteremo nei prossimi giorni. La trasparenza su questo contratto, strategico per i servizi di assistenza ai pazienti, e’ un obbligo, ma d’altra parte, visto quanto avvenuto negli ultimi mesi, la trasparenza non pare il punto forte di ASL5!".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News