Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 21 Agosto - ore 22.31

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Partecipate, un mosaico tutto da comporre

Cambi in vista per le società pubbliche. In Atc e Speziarisorse si prevedono avvicendamenti a tutto tondo, in Acam potrebbero esserci delle conferme, a cominciare da Gaudenzio Garavini.

Partecipate, un mosaico tutto da comporre

La Spezia - L'arrivo della nuova amministrazione comunale si è abbattuto come un terremoto sui vertici delle società partecipate spezzine. Tra quelli che hanno rassegnato le dimissioni, quelli che hanno rimesso il mandato nelle mani del sindaco Pierluigi Peracchini e quelli che attendono al timone il compiersi del loro destino, l'impressione è che tutti i manager pubblici scelti o indicati agli organismi delle aziende dall'amministrazione guidata da Massimo Federici siano in procinto di essere sostituiti. Tutti o quasi.

E' in odore di conferma, infatti, Gaudenzio Garavini, amministratore unico e direttore generale di Acam Spa che è stato tra i primi a fare un passo indietro. Le voci che circolano con insistenza sul manager emiliano parlano della possibilità della stipula di un'intesa di massima precedente all'elezione dello stesso Peracchini, una fiducia conquistata con i risultati collezionati dal gruppo negli ultimi anni e che si riflette anche nel rapporto consolidato tra Garavini e l'attuale assessore al Ciclo dei rifiuti, Kristopher Casati, ex vice sindaco di Follo che ha seguito in prima persona il sistema di raccolta del Comune della Val di Vara e che da qualche mese era diventato dipendente di Acam Ambiente, con la delega allo studio del sistema di tariffa puntuale. Una collaborazione che ha dato buoni frutti e che non sembra poter essere incrinata in questa fase nemmeno dalle preannunciate rivoluzioni nel sistema del porta a porta spezzino, dal quale comunque Casati vorrà certamente di più in termini di efficienza e risposta da parte di tutte le fasce della popolazione.
Sono state nomine tutto sommato tecniche le ultime fatte per gli amministratori unici di Acam Ambiente e di Acam Acque. La prima ha visto in sella sino a poco tempo fa Salvatore Cappello, manager distaccato da Iren che ha accumulato esperienza in diverse importanti realtà nazionali prima di approdare in riva al golfo. Il suo arrivo avvenne proprio con Garavini al comando: non è da escludere che, se confermato, il numero uno di Via Picco possa spendere più di una parola per riavere Cappello alla guida del ramo ambientale.
E' invece più legato agli equilibri locali Luca Piccioli, amministratore unico dimissionario di Acam Acque. La sua vicinanza al Comune di Sarzana potrebbe infatti pesare nell'ottica di una riconferma, visto che nel gruppo Acam, a differenza delle altre partecipate di cui si parla in questo periodo, il Comune della Spezia può alzare la voce, ma non fare la parte del leone. Giocano a favore di Piccioli anche le buone performance dell'azienda dell'ultimo periodo.

Passando dalla galassia Acam al gruppo Atc, parte un vero e proprio totomanager. Se l'amministratore unico della holding, Alfredo Peri, non sarà confermato dall'assemblea al suo posto potrebbero subentrare in tanti. L'incombenza principale sarebbe quella di predisporre il percorso di affidamento del servizio di trasporto pubblico per i prossimi anni, non un gioco da ragazzi, dunque. Scartati tutti coloro che sono stati assessori o consiglieri comunali negli ultimi due anni (come previsto dalla legge) potrebbero entrare in gioco Claudio Galante, ex sindaco di Brugnato che ha ben figurato alle elezioni spezzine, e Gianfranco Bianchi presidente della Camera di commercio che, nonostante un risultato elettorale piuttosto deludente viene tenuto in buona considerazione dal presidente della Regione Giovanni Toti.
Non potrebbe assumere questo ruolo, né quello di amministratore unico di Atc Esercizio lasciato da Renato Goretta, Paolo Messuri, che dovrebbe altrimenti sospendere l'iscrizione dall'ordine degli avvocati. al contrario Messuri, esponente di Direzione Italia, potrebbe essere nominato presidente di Atc Mobilità e parcheggi al posto di Salvatore Avena, trattandosi di una carica che non prevede una attività di amministrazione (Mobilità e parcheggi ha infatti un direttore, Marco Salerno).

Secondo la stessa logica, ma con qualche giorno di voci di corridoio a sostegno in più, Alessandro Rosson, fresco ex segretario provinciale di Fratelli d'Italia, potrebbe ambire alla carica di presidente di Speziarisorse, società interamente partecipata dal Comune della Spezia che oggi è presieduta da Nicola Cecchini. Per il consigliere provinciale Rosson, invece, sussisterebbe l'incompatibilità degli incarichi in Atc, dove la Provincia presente come quotista.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure