Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Sabato 19 Agosto - ore 23.06

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Paita: "La volontà di far perdere il centrosinistra a Spezia è stato perseguita scientificamente"

L'analisi della capogruppo regionale non si discosta dal refrain delle ultime batoste, regionali 2015 in primis. Poi il "complimento" a Toti: "Diamo a Cesare quel che è di Cesare: ha saputo fare sintesi dentro la sua maggioranza". 

Paita: `La volontà di far perdere il centrosinistra a Spezia è stato perseguita scientificamente`

La Spezia - "In Liguria abbiamo subito una sconfitta netta, sia a Genova sia alla Spezia. Ma si tratta di due vicende molto diverse tra loro: a Genova abbiamo perso anche con un’ampia alleanza a sinistra; alla Spezia, invece, le divisioni e le candidature dentro il perimetro del centrosinistra hanno condizionato pesantemente l'esito del voto". Raffaella Paita riavvolge il nastro e prova a leggere i riflessi di una sconfitta, di una disfatta, provando a fare dei distinguo: "Ricordo che i candidati provenienti dal mondo riferibile alla sinistra, al primo turno, erano sei. La volontà di far perdere il centrosinistra a Spezia è stato perseguita scientificamente e, da parte di qualcuno, in modo del tutto irresponsabile. Non è stata sufficiente neppure la decisione presa all'unanimità dagli organi di partito di favorire una ricomposizione unitaria attraverso la candidatura di Paolo Manfredini, preside e uomo delle istituzioni". 

La voglia di cambiamento, le capacità del governatore-regista, i complimenti: "Ovunque è prevalso il cambiamento rispetto allo status quo. Anche a Chiavari, dove governava la coalizione di Toti e ha vinto comunque un candidato di destra, si è scelto il cambiamento per il cambiamento. Desidero, per l'amore che nutro nei confronti di Genova e Spezia, augurare buon lavoro a Bucci e Peracchini, visto che tante sono le sfide che li attendono. E voglio riconoscere senza infingimenti la capacità politica dimostrata da Toti di tenere unita una coalizione. Toti in questi anni ha prodotto più disoccupati in Liguria e liste d'attesa più lunghe in sanità, ma evidentemente è riuscito a esercitare una funzione di sintesi politica dentro la sua maggioranza capace di far percepire il centrodestra unito. Diamo a Cesare quel che è di Cesare". 

La Paita di fatto non si discosta nemmeno un po' dalle analisi delle batoste precedenti. I propositi del post sono sempre quelli, nessuna responsabilità anche personale riconosciuta, almeno per il momento: "Da domani sarà necessario analizzare dati e prospettive che ci aiutino a capire i nostri errori. Nei territori è necessaria una seria e autentica autocritica e poi dobbiamo tornare con umiltà tra la gente: quella che ci ha votato, quella che non ci ha votato e quella, tanta, che non si è recata ai seggi. Sento che alcuni vorrebbero spiegare con un dato nazionale il fenomeno ligure. È innegabile che la fase sia difficile, ma proprio la differenza siderale tra le sconfitte di Genova e Spezia dovrebbe indurci a riflessioni più approfondite. Non è vero che abbiamo perso per l'incapacità di costruire le alleanze a sinistra. A Genova c'erano e non ce l’abbiamo fatta. Sarebbe più utile interrogarsi su quanto abbiano fatto male le divisioni e le polemiche interne, anche durante il ballottaggio. E su quanto questa continua richiesta di oscillare dalla linea e dal profilo riformista del Pd per inseguire tutti alla sinistra abbia contribuito a farci perdere credibilità e forza nel voto più moderato. Sul futuro credo che molto inciderà lo scenario nazionale che si aprirà. Chi deciderà di credere nel Pd, a partire da me, dovrà farlo con lo spirito di ricostruire una comunità solidale. La guerra dei Roses a livello nazionale e locale serve solo a farci inutilmente del male tra noi".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure