Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Domenica 09 Dicembre - ore 22.12

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Paita: "Il blocco della Variante è la conseguenza dell'incapacità di Toti"

"Non è un fulmine a ciel sereno"
Paita: "Il blocco della Variante è la conseguenza dell'incapacità di Toti"

La Spezia - "Può essere un caso che da quando governa la destra di Toti tutte le opere finanziate con cantieri già aperti siano bloccate? È una domanda che dobbiamo porci perché ci sono tre esempi clamorosi che stanno paralizzando la città e danneggiando la nostra economia e immagine. Il più clamoroso è il nuovo ospedale del Felettino, poi c'è la variante Aurelia (terzo lotto) e i ponti di Borghetto Vara (solo recentemente il cantiere è ripartito). Tutte queste opere per un totale di circa 350 milioni sono state finanziate quando in regione governava il centrosinistra. Potevano andare ad altri territori e invece sono state caparbiamente tenute sulla provincia della Spezia. Opere decisive per il nostro futuro sanitario, economico e di sicurezza idraulica. Perché con la destra si sono bloccate?". Lo domanda l'onorevole Raffaella Paita, deputata Pd ed ex consigliere regionale.

"Ci sono ovviamente ragioni congiunturali - ammette - ma il motivo principale è l'indifferenza del 'modello Toti' alla città e l'incapacità dei sui assessori. Noi 'siamo utili' alle aspirazioni di ascesa politica nazionale di Toti ma l'impegno amministrativo non rientra tra le sue priorità! E così ieri il suo assessore alle infrastrutture Giampedrone che sarà ricordato per tutte le opere incompiute nella nostra città, ha dichiarato: "L'abbandono del cantiere è un fulmine a ciel sereno". Peccato che sia fermo da tre anni quel cantiere. La verità è che amministrare non può essere frutto di improvvisazione e l'impegno non può essere un'attività secondaria rispetto alla propaganda quotidiana, alla costante campagna elettorale. Anche perché poi i nodi vengono al pettine. I cantieri rimangono bloccati , la sanità collassa in scontri di potere e liste d'attesa lievitate, i disoccupati (soprattutto donne e giovani) aumentano drammaticamente mentre nelle altre regioni diminuiscono.
Ecco la conseguenza del modello Toti in cui siamo precipitati da tre anni questa parte".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News