Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 23 Aprile - ore 22.05

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Paita: "Cenerini vergognoso". Pecunia: "Peracchini pensa di tacere?"

Dopo le dichiarazioni del capogruppo di Forza Italia sulla professoressa Castellani e la tragica morte di Pamela Mastropietro.

Paita: "Cenerini vergognoso". Pecunia: "Peracchini pensa di tacere?"

La Spezia - Reazioni veementi per il post su Facebook (vedi QUI) con il quale il consigliere comunale spezzino Fabio Cenerini, capogruppo Lista Toti Forza Italia, ha collegato la professoressa Castellani, protagonista di un contestato intervento nel corso del consiglio comunale straordinario dedicato al Giorno della memoria, alla tragica morte di Pamela Mastropietro, avvenuta un anno fa a Macerata.

Tra i primi a rispondere, la deputata spezzina Pd Raffaella Paita. “Il consigliere comunale Fabio Cenerini con le sue affermazioni di oggi chiarisce al di là di ogni dubbio quale inaccettabile clima di intolleranza si sta affermando nel nostro Paese. Accostare a una tragedia come l’ assassinio della povera Pamela la vicenda della professoressa che ha cercato di trasmettere i valori di accoglienza e integrazione è a dir poco vergognoso. Si renda conto chi è al governo di quale clima ormai si respiri nella loro indifferenza e, talvolta, complicità. Tutti gli esponenti politici e della società spezzina su dissocino e condannino questo personaggio pericoloso e volgare”, ha dichiarato l'ex assessore regionale.

"Basta. È l’unica parola che vogliamo dire basta - scrive Federica Pecunia, consigliere comunale e segretario provinciale Pd -. Basta utilizzare la vicenda dell’immigrazione per mera propaganda politica, basta parole al vento offensive ingiuriose feroci e inconsapevoli. Ma cosa c’ entra una insegnante che esprime un concetto caro alla scuola, quello legato all’insegnamento dei valori di solidarietà e accoglienza, con l’omicidio violento di una giovane ragazza per cui tutti noi abbiamo pianto e sofferto? Ma come si permette un consigliere comunale, istituzione, a confondere in maniera così grave un esecrato delitto condannato e vergognoso con il tema complesso dell’immigrazione? Diciamo basta. Basta non accetteremo più chi si permette di dipingere coloro che pensano, come noi, che il grande tema dell’immigrazione sia una questione globale, inarrestabile e affrontabile solo con due principi: l’accoglienza e l’integrazione. Regole certe ma non continua discriminazione. Ma come si può pensare che un consigliere comunale dichiari che un insegnate possa essere stata “causa” di una tragedia come quella della morte di una giovane ragazza???Si è superato ogni limite. Vorremmo capire cosa pensa il sindaco di tutto questo? Non finirà certo qui la nostra protesta, perché troviamo inaccettabile che si continui a pensare di tollerare ogni atteggiamento anche quello mediato dall’uso dei social che pare meno grave ma oggi rappresenta invece un megafono. Basta. Ma per quanto tempo Peracchini, pensa di tacere e non esprimere opinione alcuna su certe affermazioni?".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News