Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Sabato 23 Gennaio - ore 16.55

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Opposizioni: “Risolvere subito l’emergenza del Day Hospital oncologico al Sant'Andrea”

La nota delle minoranze: "Si installi immediatamente la tenda riscaldata e subito dopo si lavori per una soluzione migliore per questi pazienti fragili".

"spazi inadeguati e code"
Opposizioni: “Risolvere subito l’emergenza del Day Hospital oncologico al Sant'Andrea”

La Spezia - “I pazienti oncologici tempo fa hanno subito il trasferimento forzoso causa Covid del servizio di Day Hospital dal San Bartolomeo al S.Andrea e hanno evidenziato sin da subito le criticità nel nuovo “reparto”: spazi inadeguati dal punto di vista logistico ove ricevere le cure e l’assistenza psicologica, code in attesa all’esterno del padiglione ed altri disservizi che un attenta programmazione sanitaria avrebbe dovuto evitare.” Così Guido Melley e Roberto Centi, LeAli a Spezia/Lista Sansa; Marco Raffaelli e Luca Erba, PD; Federica Pecunia e Dina Nobili, Italia Viva; Donatella Del Turco e Jessica De Muro, Movimento 5 Stelle; Massimo Lombardi, Spezia bene comune; Massimo Baldino Caratozzolo, Gruppo misto minoranza; Luigi Liguori, Spezia bella forte ed unita; Paolo Manfredini, Partito Socialista, che continuano: “In questi giorni gli stessi pazienti oncologici hanno lanciato un altro grido di allarme: le tendaline posizionate in tutta fretta fuori del padiglione per proteggere dal sole estivo i pazienti in coda sono inadeguate rispetto all’imminente arrivo delle pioggie e del freddo invernale. Hanno chiesto che venisse approntata rapidamente una tensostruttura, dotata del riscaldamento, per proteggere dalle intemperie e dal freddo le persone in coda. Dai piani alti Asl come dal Comune nessuno ha risposto".

"Come consiglieri di opposizione siamo vicini a questi concittadini ed alla loro sofferenza e ci siamo mossi per provare a risolvere velocemente questo problema - continua la nota -. Abbiamo contattato la Protezione Civile che ha disposizione alcune tende dotate del riscaldamento, una delle quali peraltro è già installata presso il reparto Infettivi del S. Andrea che al momento è poco o niente utilizzata. È sufficiente solo una immediata richiesta di AliSa ed Asl 5 alla Protezione Civile perché la tenda venga installata subito. Abbiamo inoltre contattato la Pubblica Assistenza della Spezia che ha garantito di poter fornire mezzi di assistenza, come bevande calde ed altro per i pazienti che loro malgrado devono sottostare spesso a lunghe code all’esterno del DH spezzino. Bisogna però che chi di dovere si muova, a partire dai vertici Asl e dello stesso reparto oncologico, senza perdere tempo ulteriore. Resta il problema di individuare una struttura logisticamente più adatta rispetto a quella attuale per accogliere queste persone all’interno del Sant'Andrea: ora si installi la tenda riscaldata e subito dopo si lavori per una soluzione migliore per questi pazienti fragili che, nessuno dovrebbe mai dimenticare, sono persone".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News