Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Sabato 23 Febbraio - ore 14.45

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Nuova puntata social della frattura politica tra Cenerini e Caratozzolo

A una settimana dalla seduta di consiglio comunale nella quale Costa e Cenerini rilevarono il mancato rispetto del regolamento da parte del presidente Guerri va in scena una nuova zuffa tra i due capigruppo.

La maggioranza perderà pezzi?
Nuova puntata social della frattura politica tra Cenerini e Caratozzolo

La Spezia - Tanto tuonò che piovve. O forse no. Da ormai un anno sono emerse in maniera chiara le differenze di visione su alcune questioni cittadine tra il consigliere Massimo Caratozzolo e il resto della maggioranza. Caratozzolo è da qualche mese capogruppo della lista Per la nostra città, avendo ricevuto il testimone da Giulio Guerri, che da presidente del consiglio comunale non manifesta le sue opinioni, se non attraverso il voto. E infatti, nonostante il silenzio, si dà per assolutamente scontata la coincidenza di visione con il collega Caratozzolo.
Dalle questioni inerenti la fusione tra il gruppo Acam e Iren, al destino della Scuola materna di Via Firenze, passando per il presente e il futuro dell'area Enel e le divergenze sui tagli degli alberi avvallate dall'amministrazione in Scalinata Cernaia e in Via San Francesco. Tutti temi sui quali Caratozzolo si è trovato in contrasto con i colleghi della maggioranza, in particolar modo con Fabio Cenerini, capogruppo di Forza Italia - Toti, che non ha mai perso occasione di sottolineare le differenze tra i guerriani e il centrodestra, arrivando anche a invitarli pubblicamente a cambiare sponda e a passare all'opposizione.

L'ultima goccia, che non sarà quella che farà traboccare il vaso ma di sicuro ne porterà il contenuto sempre più vicino all'orlo, è caduta sul rispetto del regolamento del consiglio comunale da parte del presidente Guerri. Nella seduta lunedì scorso, nel corso della votazione di una delibera il consigliere Andrea Costa ha sollevato un appunto: il consigliere Caratozzolo non aveva votato, pur avendo la tessera inserita. Un fatto che Cenerini ha ritenuto fosse una violazione al regolamento (leggi qui). Accusa rigettata da Guerri.
Negli ultimi giorni c'è stato un nuovo botta e risposta tra il presidente del consiglio comunale e lo stesso Cenerini e poi, immancabilmente, la diatriba si è spostata sui social network.

"Una citta senza più un ospedale degno di questo nome. Una città che vive affumicata tra il carbone di Enel, gli scarichi no stop delle navi da crociera, l'amianto in ogni dove, della cui bonifica ci si interessa solo quando un fortunale... scoperchia il pentolone, un rigassificatore pericoloso e con "manie di espansione" e i rumori del porto che non danno tregua ai residenti.
Eppure sembra che i veri problemi per "qualcuno" sono il waterfront (per i non edotti cosa costruiremo in riva al mare tanto per cementificare ancora un po') e le leggine e i commini da cambiare del Regolamento comunale con relative litigate in aula.
Complimenti, avrei voluto fare un comunicato - ha scritto Caratozzolo sul suo profilo Facebook, riferendosi evidentemente alla posizione di Cenerini - ma mi sembrerebbe infierire ulteriormente sui poveri amici giornalisti... già costretti a riferire di tanta "miseria politica". Avanti così. Alla fine del tunnel per gli spezzini ci saranno conquiste importanti. Un Regolamento comunale nuovo di zecca. Ci avevate votato per questo? O no? Mica per il resto! Ricordate? In campagna elettorale eravamo tutti a parlare del Regolamento del comune... Mica del carbone di Enel e del territorio da bonificare....", ha concluso sarcasticamente.

Pronta la replica di Cenerini, sempre attraverso Facebook: "Che pena personaggi che fanno politica in questo modo! Che miseria umana! Sempre alla ricerca dell’applauso del pubblico!
Viene in mente Gino Bartali con il suo è tutto da rifare, ma anche Totò nel film la Banda degli onesti!
Perché ci sono soltanto due onesti in Consiglio Comunale, il duo Guerri Baldino, tutti gli altri sono inquinatori e diciamo almeno non onesti come loro!
Se invece di continuare a dire idiozie lavorassero insieme alla maggioranza, con la quale hanno scelto di stare, non li ha mica obbligati nessuno, forse riusciremmo a fare di più e meglio! Ma per loro conta solo il consenso, quindi sono strutturalmente contro, perché sicuramente paga di più in termini di consenso distruggere piuttosto che lavorare a lungo per ottenere dei risultati!
Ma loro niente! Il novello Robin Hood Baldino Caratozzolo, chissà come starebbe con la calzamaglia... non vuole il carbone di Enel, il rigassificatore di Panigaglia, le navi da crociera, il porto commerciale, pensa che la Marina Militare italiana sia quella Russa, visto che è convinto che ci menta sulla bonifica dell’amianto. Mi chiedo ma chi di noi vorrebbe una centrale a carbone, un rigassificatore, l’amianto... se non ci fosse tutto questo? Ma l’onesto sempre in cattedra, dice bisogna dismettere tutto. Facile dirlo a favore del loro ottuso elettorato che gli va dietro, peccato che fra Enel, porto commerciale, navi da crociera, rigassificatore, arsenale civile e militare, stiamo parlando di migliaia di famiglie che ci campano! Se chiude tutto come vorrebbe il duo di volpi, dove andranno a mangiare questi lavoratori incolpevoli e le loro famiglie? A casa del duo? Non glielo auguro, perché a qualcuno la pacchia potrebbe finire molto presto e poi ci sarà da ridere... per dire come la penso ieri c’era una riunione dei capigruppo di maggioranza con l’assessore Piaggi dopo 45 minuti dei soliti discorsi demagogici di Baldino me ne sono andato, perché sinceramente ne ho le bip piene di ascoltarlo!".

Se Cenerini dice di essere arrivato al culmine, Caratozzolo non è da meno nella controreplica.
"I giochi sono finiti. Ora il sottoscritto fa sul serio. Vediamo un po' chi vuol fare qualcosa per le persone e chi vuol solo accusare gli altri di careghismo, lanciare minacce e fare i "dispettucci" sulla pelle degli altri. Domani (oggi, Ndr) il presunto "rottamatore di posti di lavoro" cioè il sottoscritto spiegherà da queste pagine le "scandalose richieste" fatte per ridurre un po' di inquinamento delle navi...". Promessa mantenuta con un video post in cui il consigliere ha illustrato il contenuto della mozione che sarà discussa nella prossima seduta di consiglio comunale (leggi qui).

Se la tenuta della maggioranza sia più repentaglio di qualche giorno fa non è chiaro, ma di certo il logoramento di questa situazione potrebbe portare in futuro al concretizzarsi di una frattura politica (e talvolta anche amministrativa) che è sotto gli occhi di tutti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News