Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Domenica 24 Gennaio - ore 10.11

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Mura Umbertine, restauro sì ma senza cancellare la patina del tempo

Via i graffiti e gli inserti in metallo ma nessuna ricostruzione posticcia per creare "un'antistorica integrità". Confermato l'abbattimento del bunker. In questi giorni gli sfalci, prima del progetto esecutivo servirà il parere della Soprintendenza.

progetto definitivo

La Spezia - Un approccio di carattere "minimalista" per il restauro delle Mura Umbertine. E' questa la linea che ispira il progetto definitivo di recupero della cinta di sicurezza ottocentesca della città, approvato dalla giunta pochi giorni fa. Passa un’impostazione "manutentiva, di rimozione e mitigazione degli elementi di degrado, ma anche capace di accogliere come parte del bene il frutto del passare del tempo e, entro certi limiti, dell’azione della natura", scrivono i tecnici del Palazzo Civico che si sono occupati del manufatto. Abbandonate più o meno da un secolo, se non di più, non saranno riportate all'antico aspetto con ricostruzioni posticce delle parti mancanti. La patina del tempo passato rimarrà parte del loro fascino.
Chi si troverà a camminare lungo il Parco delle Mura non troverà quindi alcuna "antistorica integrità": i crolli saranno messi in sicurezza ma non riempiti e i bastioni di pietra portoro lunghi più di tre chilometri ripuliti dai rovi ma non tirati a lucido. Spariranno i graffiti ma non necessariamente l'edera, gli antiestetici tubi che raggiungono le abitazioni nelle vicinanze saranno nascosti dentro scatolature di rame e cambieranno posto anche gli altoparlanti della cattedrale di Cristo Re nella zona di partenza del percorso. Via anche le aggiunte in metallo novecentesche, oggi oltretutto arrugginite.

Confermata la demolizione del bunker in calcestruzzo posto sopra Piazzale Giovanni XXIII. Non ci sono solo motivi filologici - è posteriore alla costruzione delle mura - ma anche di sicurezza: "l’ubicazione ed il peso dello stesso non garantiscono, nel tempo, la stabilità dell’ancoraggio al suolo. Inoltre l’elevata quota di imposta prospetta la possibilità di danni ingenti a cose e persone, nel caso di cedimento e scivolamento verso valle", recita la relazione tecnica.
Il calcestruzzo armato sarà usato solo per dare stabilità alle terre senza più protezione nei tratti dei crolli più importanti, mentre si userà la malta per i dettagli. Particolare attenzione sarà data alle feritoie, da riaprire dove siano state murate.
Questa la traccia che potrà eventualmente ricevere qualche osservazione dalla Soprintendenza ai beni architettonici, che ha sottoposto a vincolo il bene sin dagli anni Sessanta, per arrivare al progetto esecutivo. In questi giorni è in atto lo sfalcio di tutto il tracciato, funzionale anche a rendersi conto di quali siano le zone più degradate e a permettere un rilievo topografico di tutto il complesso che, nel punto più in alto, tocca i 170 metri sul livello del mare. Il progetto ha un costo stimato in 1.5 milioni di euro la maggior parte finanziato con i fondi del fondo strategico regionale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News