Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 19 Febbraio - ore 22.40

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Marolini in consiglio, Casati: "Non c'è nessun pericolo amianto"

Folta presenza della borgata a Palazzo Civico. Arrivano ancora rassicurazioni.

Marolini in consiglio, Casati: "Non c'è nessun pericolo amianto"

La Spezia - Si parte da Marola e non potrebbe essere altrimenti. E’ del Movimento Cinque Stelle il question time che apre la seconda seduta di novembre del consiglio comunale. Il caso Marola e gli ormai famosi tetti di eternit, sollevato in seguito al maltempo della fine di ottobre. Davanti ad una folta platea di cittadini della prima frazione della costa dei pirati e anche ad alcuni esponenti della Marina Militare, evidentemente diretti interessati, tocca all’assessore Casati rispondere al documento presentato dal Movimento Cinque Stelle, mentre nel pomeriggio si era tenuto un incontro interlocutorio fra una delegazione di marolini e il sindaco Peracchini, a replicare all’argomento: “Dopo le segnalazioni, mercoledì 7 si è tenuto il primo intervento di controlli che non hanno presentato criticità di sorta: nella scuola e nell’area verde nessuna criticità mentre anche nel sopralluogo dell’Asl5”. Fine.

Mozioni urgenti presentate dalla minoranza: la prima letta dal consigliere Massimo Lombardi a proposito delle identificazioni nei confronti dei 51 spezzini che sabato erano andati a Roma per la manifestazione antirazzista. Lombardi, che nella vita fa l’avvocato e conosce bene l’argomento, punta l’indice su “un sistema di controllo sconcertante è inaccettabile, al di là delle differenze politiche perche si tratta di un atteggiamento umiliante nei confronti di chi manifesta liberamente e pacificamente”. Il consigliere di Potere al popolo aggiunge un paradosso: “Persino Berlusconi ha detto che si tratta di un atteggiamento di regime!”. Non poteva che essere Fabio Cenerini, capogruppo della lista Toti, a replicare a Lombardi: “La prevenzione è una cosa più che giusta e controllare qualche decina di persone costa una decina di minuti. Se è stato fatto nel modo giusto e garanzia per tutti i cittadini. Non vedo nessuna restrizione della libertà personale e non trovo umiliante essere controllati se non hai niente da nascondere. Non c’è nessuna urgenza e nessuna motivazione per questa discussione”. Di Federica Pecunia la seconda mozione urgente che chiama in causa il sindaco reo di non aver ricevuto la delegazione sindacale che aveva scioperato per la lavoratrice di Acam licenziata dall’azienda: “Nessuna urgenza anche in questo caso: come ho già detto più volte, quando le persone vengono chiamate nell’apposita commissione da parte dell’opposizione il sindaco e gli assessori vanno. E invece alcuni consiglieri di minoranza snobbano le commissioni competenti: semplicemente continuano a convocare la commissione che non c’entra nulla. Gli assessori rappresentano la giunta ma per la rispettiva delega loro affidata perché il sindaco si è sempre presentato. Ma se si fanno per fare dei processi non si è sempre a vostra disposizione”. Scontato l’epilogo: entrambe le mozioni non passano.

Diverse le interpellanze della serata. Fra le altre la consigliera del Pd Dina Nobili mette nel mirino Piazza San Domenico di Guzman, in condizioni degradanti come riportato anche da diverse lettere giunte in queste settimane dai residenti: “Gli uffici del verde pubblico hanno preso in carico la vicenda: non per nuove piantumazioni ma per ripristinare l’impianto di irrigazione - ha replicato l’assessore Luca Piaggi. Interverremo subito dopo aver ricevuto il computo metrico. La pulizia invece viene fatta ogni mattina ma la problematica e che viene spesso frequentata da una serie di personaggi che non hanno senso civico. La piazza perciò si trasforma al pomeriggio e anche qui è auspicabile un maggior controllo da parte della Polizia Municipale”. Il collega di partito Marco Raffaelli chiede un’asfaltatura in Via del Canaletto tra il civico 100 e il 409. Ma Piaggi frena: “I tecnici considerano di medio-bassa urgenza questo tipo di intervento e non ho pertanto contezza sui tempi di eventuale realizzazione”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News