Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 18 Gennaio - ore 16.54

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

M5S, Ugolini: "Asl spezzina Cenerentola della Liguria"

"confronto con altre aziende impietoso"
M5S, Ugolini: "Asl spezzina Cenerentola della Liguria"

La Spezia - “A dicembre, chiedemmo all’assessore alla Sanità i numeri relativi alla dotazione di personale sanitario dipendente, suddiviso per tipologia di professione sanitaria, in tutte e cinque le Aziende sanitarie locali, specificando le unità di personale impiegate nelle strutture territoriali e ospedaliere della regione; chiedemmo inoltre, allo stato attuale, le unità di personale sanitario assunto a tempo determinato per l'emergenza legata al Covid-19, sempre divisa per tipologia di operatori e per Asl territoriale. I dati emersi hanno rivelato quanto già temevamo: Asl5 è la Cenerentola della Liguria”, dichiara il consigliere spezzino del M5S in Regione, Paolo Ugolini.

“Il confronto con le altre Aziende sanitarie locali è impietoso - spiega Ugolini -: al 30 settembre, il personale a tempo indeterminato contava, per La Spezia, 2141 operatori (al netto dei 158 Oss della Coopservice) per 215mila abitanti a fronte di 4175 operatori per Savona (282mila abitanti) e 2557 dipendenti sanitari per Imperia (217mila abitanti). Non solo: abbiamo dieci Direttori di struttura complessa (primari) in meno rispetto a Savona e sei in meno rispetto a Imperia. E ancora, La Spezia ha 246 medici in meno rispetto all’Asl savonese e quattro in meno rispetto all’imperiese; e ben 773 infermieri meno di Savona e 80 meno di Imperia. Siamo la Cenerentola della Liguria anche per quanto concerne il potenziamento del personale per l'emergenza Covid-19”.

“I numeri purtroppo non mentono: dal 2017 al giugno 2020, abbiamo perso l’8% di medici. Come se non bastasse, a breve se ne andranno altre cinque figure chiave: tre internisti, un cardiologo e un ortopedico. Da anni mancano, in Asl5, primari di Pneumologia, Geriatria, Direzione Medica di Presidio, Ginecologia (benché sia stato fatto un concorso), Pediatria, Trasfusionale, Psichiatria territorio, Anatomia Patologica, Igiene e Sanità Pubblica, Pronto Soccorso. Persino il Dipartimento Materno infantile non ha primari. E il Dipartimento Prevenzione ha un solo Direttore di struttura complessa, Veterinario”.

“È evidente che con questi deficit la catena di comando può non funzionare. I medici fuggono, gli infermieri vanno a ruolo dove li chiamano e noi siamo svuotati. Intanto non si risolve il problema dei 158 Oss che rischiano il licenziamento e la disoccupazione, fatto gravissimo in questo periodo di pandemia con penuria di personale qualificato e con esperienza. Non passa praticamente giorno senza che dalla sanità spezzina non arrivi un grido di dolore: Regione intervenga quanto prima per garantire ai cittadini il diritto alla salute e alle cure. Basterebbe intanto qualche unità in più per poter ricominciare a riprendere i normali servizi, almeno quelli più importanti a tutto beneficio della popolazione spezzina”, conclude Ugolini.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News