Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Venerdì 23 Ottobre - ore 22.22

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Licari: "Peracchini studi e riapra la discussione sul biodigestore"

Il consigliere dopo la seduta di ieri pomeriggio in Provincia: "L'ente ha titolo per richiedere l'annullamento o la sospensione del Paur".

"Dimissioni"

La Spezia - "Una farsa: non trovo termini più adatti per descrivere quanto accaduto in consiglio provinciale (si veda QUI). Dinanzi a due mozioni e a un ordine del giorno riguardanti il Biodigestore di Saliceti, anziché dar vita ad una sana discussione democratica, Peracchini, collegato da remoto nonostante le sale della Provincia garantiscano il distanziamento necessario, ha dato vita all'ennesima fuga dalle proprie responsabilità". Lo afferma Andrea Licari, centrosinistra, consigliere provinciale di opposizione "Il presidente, infatti - prosegue -, non solo ha decretato la fine del consiglio nel bel mezzo di una discussione, ma quel che è peggio ha negato la discussione di documenti fondamentali adducendo come scusa un parere legale alquanto forzato. Analizzando infatti il suddetto parere, si notano soprattutto due aspetti incongruenti: il primo riguardante il fatto che si sottolinei l'impossibilità di presentare richieste di sospensione o annullamento Paur alla luce della scadenza delle osservazioni pubbliche in data 2 ottobre 2019. Una vera e propria aberrazione giuridica, visto e considerato che il pubblico fa la sua parte, mentre la richiesta di annullamento in autotutela è una istanza volta a riaprire il procedimento e dunque non collegabile alle osservazioni pubbliche".

"In seconda istanza - aggiunge -, l'ufficio legale, scrivendo che il Paur è di esclusiva competenza regionale, dimentica che questo procedimento assomma su si sé tutti gli atti relativi al procedimento di autorizzazione di questo progetto, tra cui l'autorizzazione integrata ambientale che è di competenza della Provincia. La quale dimentica o fa finta di dimenticare che la Corte Costituzionale si è pronunciata sul fatto che si, il procedimento è unico ma non sostitutivo della titolarità della funzione dei singoli enti competenti per i diversi atti che vengono prodotti nel provvedimento finale, espressione della conferenza dei servizi. La Provincia ha dunque titolo per richiedere l'annullamento o la sospensione poiché titolare della funzione. Invito pertanto Peracchini a studiare e a riaprire quanto prima la discussione a tutto il consiglio. In caso contrario si dimetta poiché totalmente inadatto a rappresentare e difendere le istanze degli abitanti della provincia spezzina".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News