Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Venerdì 17 Agosto - ore 21.35

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Lavori alle scuole ma senza aumentare le tasse

Ci sono 2,5 milioni di euro per le scuole spezzine nel bilancio di previsione del Comune per il 2018-2020. Adeguamento sismico e messa in sicurezza per gli istituti. "Ereditato sbilancio sulla Tari di 900mila euro".

Lavori alle scuole ma senza aumentare le tasse

La Spezia - I propositi della giunta comunale per il biennio 2018-2020 sono da oggi nero su bianco. Il sindaco Pierluigi Peracchini, accompagnato dagli assessori Luca Piaggi e Kristopher Casati, ne ha spiegato i tratti fondamentali nella conferenza stampa organizzata a chiusura di una mattinata che prevedeva in agenda anche la delibera sugli interventi previsti nei prossimi 24 mesi. Mettere le cose in fila, spiegandone la filosofia e l'obiettivo, innanzitutto e la manovra è un mix di interventi su edilizia scolastica e sociale. Il sindaco, scorrendo sinteticamente il tabellone riassuntivo parte dai più piccoli, particolarmente interessati da una buona parte delle opere messe in programma: "Abbiamo approvato il bilancio di previsione che risente dei 48 milioni di debiti accumulati da chi ci ha preceduto e i 30 di crediti".

Le scuole in primis. Quasi 2,5 milioni saranno riservati alle scuole cittadine dove l'amministrazione ha deciso di pianificare opere di manutenzione e restauro. Alla voce manutenzione straordinaria degli edifici scolastici il Comune ha previsto 430mila euro, con singoli interventi dedicati su diverse scuole, a cominciare dagli interventi di adeguamento sismico del palazzo degli studi (scuola media Mazzini) per 250mila euro, la messa in sicurezza delle scuole Pellico-Mazzini di Piazza Verdi per 464mila euro, l'adeguamento sismico alla scuola elementare del 2 giugno (221mila euro), la manutenzione straordinaria della scuola d'infanzia di Via XX settembre (210mila euro), la messa in sicurezza dei solai della scuola di Via Napoli (200mila euro), la messa in sicurezza dei soffitti della scuola Revere per 80mila euro. Ma, parlando di scuole, l'intervento più importante sarà l'atteso adeguamento sismico dell'edificio scolastico della scuola Formentini di Migliarina: ci vorranno 660mila euro per sistemare l'ultimo piano della scuola di Stradone D'Oria, che ha un problema di dinamica costruttiva dovuto alla cattiva sopraelevazione dei piani accordata a suo tempo.

Un taglio alle spese per i servizi educativi e la ristorazione scolastica. Miglior servizio sui rifiuti, costi inalterati, scuole, ambiente e quartieri del levante. Le scuole, come detto, ma anche il nuovo piano relativo ai servizi educativi comunali con l'approvazione delle nuove tariffe di iscrizione e la ristorazione scolastica: restano invariate le tariffe sociali e oltre l'indicatore Isee di 5.358 euro viene applicata una riduzione del 18% sulle contribuzioni in precedenza richieste alle famiglie: "Prevediamo così facendo la restituzione di 650mila euro alle famiglie i cui bambini e frequentano i servizi educativi del Comune. Idem per i buoni pasti con esenzione per le famiglie con Isee sotto i 5.358 euro" - ha spiegato orgogliosamente Peracchini. E per le famiglie con tre figli iscritti al servizio viene modificata l'applicazione dello sconto del 20% già previsto, che si applica a tutti i figli iscritti.

Edilizia sociale e tasse. Se la firma sul contratto periferie porterà in Piazza Europa 17 milioni che saranno investiti per le fognature dei quartieri di Fossamastra e Canaletto, per il restyling dell'area ex Malco e la riqualificazione di un edificio dal punto di vista sociale sempre a Fossamastra, nessun aumento sostanziale è previsto nel prossimo biennio, relativamente alle tasse comunali. L'addizionale Irpef rimane confermata al 6 per mille, Imu e Tasi sono esattamente uguali al 2017. Per quanto riguarda la Tari, la tassa sui rifiuti, la giunta ha modificato l'art.17 comma 9 per il calcolo della tariffa per le unità abitative a destinazione residenziale utilizzate per lo svolgimento di attività di accoglienza, in forma non imprenditoriale; la tariffa è calcolata, analogalmente alle strutture ricettive non imprenditoriali, con riferimento al numero di posti letto dedicati all'attività di accoglienza: "Abbiamo ereditato uno sbilancio sulla tariffa nel 2017 di 900mila euro che Acam Ambiente pretende da parte del Comune. Inoltre introduciamo nuovo sistema di raccolta, da 1,4 milioni, che partirà fra febbraio ed aprile e che non comporta nessun aumento tariffa dopo l'agognata negoziazione" - ha puntualizzato il primo cittadino.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Piaggi, Peracchini, Casati


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News